Popular Tags:

30 MESI DI ATTIVITA’ CONSILIARE DEL MOVIMENTO 5 STELLE FOLLONICA

25 aprile 2017 at 19:08
image_pdfimage_print

cecco-tizziEcco i numeri prodotti dall’attività consiliare del Movimento 5 Stelle di Follonica durante i primi 30 mesi di mandato elettorale:

18 Mozioni, 30 Interrogazioni, 1 Proposta di Deliberazione (regolamento sull’attendamento circhi), oltre 80 le Richieste di Accesso agli Atti, 4 Interrogazioni Parlamentari (Ippodromo dei pini, Commissariato di Polizia, Pinete, Spiaggia Fosso Cervia) a firma dei deputati Chiara Gagnarli, Giuseppe L’Abbate e Alfonso Bonafede, 2 Interrogazioni Regionali (Inceneritore di Scarlino e Spiaggia Fosso Cervia) a firma del consigliere regionale Giacomo Giannarelli. 2 Visite di Sindacato Ispettivo eseguite con la presenza di parlamentari 5 stelle (Ippodromo dei pini con Chiara Gagnarli e Giuseppe L’Abbate, canile abusivo del Martellino con Paolo Bernini), 2 Visite di Sindacato Ispettivo dei consiglieri comunali presso la Cava di Montioni e presso gli impianti sportivi dell’USD calcio Follonica, 2 esposti alla Procura della Repubblica, 2 esposti all’ANAC, 3 esposti alla Corte dei Conti, 1 esposto all’ASL, 1 esposto ai Vigili del Fuoco, 1 esposto alla Polizia Municipale e 3 esposti al Prefetto.

Continua a leggere…

PIANO DEL TRAFFICO IN PROGRESS

24 aprile 2017 at 18:56
image_pdfimage_print

traffico-sensi-uniciContinua l’analisi da parte del M5S della proposta dell’Amministrazione Comunale di modifica della circolazione veicolare cittadina. Analizzando il nuovo piano del traffico, si evince come le due strade principali del centro cittadino follonichese non abbiano subito alcuna variazione, cosa che sinceramente ci colpisce. Infatti la viabilità su Via Bicocchi e via Colombo risulta inalterata. Non condividiamo tale scelta, visto che a nostro avviso le due citate strade dovrebbero tornare ad essere strade senza interruzioni, creando continuità di senso di marcia, cioè dare la possibilità ai veicoli in via Bicocchi, provenienti dal ponte della Gora di andare a diritto verso la stazione senza l’obbligo di svolta a destra direzione parco centrale. Non si capisce perché questa scelta non si possa attuare. Attualmente si obbliga la percorrenza di strade secondarie allungando la percorrenza per chi vuole uscire da Follonica, mentre nella soluzione proposta sarebbe una strada più diretta e quindi un traffico più scorrevole. Se la motivazione è frazionare il flusso delle auto, non siamo molto convinti di questa scelta. Suggeriamo inoltre di riportare Via Colombo a  senso unico, dando la possibilità ai veicoli in uscita dalla Stazione di poter andare dritti verso il mare senza obbligo di svolta a destra, cambiando il senso di marcia all’inizio di via Matteotti e percorrere la via fino al mare con un unico senso di marcia, con l’opzione di svolta a sinistra e imboccare via Colombo fino al mercato coperto. I veicoli provenienti da via Santini indirizzarli su via Matteotti o via Colombo. Questo ci saremo aspettati di trovare nel nuovo Piano del traffico che sinceramente così come è stato realizzato cambia veramente molto poco.

IL PIANO URBANO DEL TRAFFICO PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE

11 aprile 2017 at 17:43
image_pdfimage_print

senzunoSi è fatto un gran parlare in questi giorni del nuovo piano del traffico che l’Amministrazione follonichese ha presentato nella commissione competente. Il M5S ritiene la mobilità un volano fondamentale della nostra vita che si evolve parallelamente allo sviluppo economico e sociale di ogni comunità tanto da diventare indispensabile e irrinunciabile.

La mobilità ha però dei limiti spaziali, temporali, oltre all’impatto ambientale ed energetico che genera. La soluzione a questi limiti è quindi data dalla necessità di rendere la nostra mobilità più sostenibile.

Vogliamo analizzare la proposta dell’Amministrazione cercando di portare il nostro contributo articolato in più comunicati che vadano ad approfondire i vari scenari espressi nella proposta del nuovo Piano del Traffico. Partiamo quindi analizzando la proposta che riguarda la riqualificazione del quartiere Senzuno.

Rimaniamo fedeli al programma presentato nel 2014, che prevedeva, attraverso un processo partecipativo, di trovare insieme alla cittadinanza il rilancio del quartiere Senzuno. Via della Repubblica chiusa al traffico veicolare, potrebbe essere un punto di partenza, inizialmente per la stagione estiva e successivamente per tutto l’anno, creando una ciclabile da una lato della strada che andrebbe a raccordarsi con i due tratti già esistenti, quelli della Pineta di Levante e del lungomare Carducci.

Continua a leggere…

SCADENZE DI BILANCIO…QUESTE SCONOSCIUTE AL COMUNE DI FOLLONICA

1 aprile 2017 at 12:05
image_pdfimage_print

bilancioEccoci di nuovo, come ogni anno- http://www.follonica5stelle.it/mancata-approvazione…/ , ad evidenziare la mancata approvazione del Bilancio di previsione nei tempi dovuti. Il bilancio di previsione, a norma di legge, deve essere approvato entro la fine dell’anno precedente, ma interviene puntualmente una proroga governativa che sposta il termine di qualche mese. Per il 2017 la scadenza della proroga è il 31 marzo. Il Comune di Follonica ANCHE QUEST’ANNO non ha rispettato la scadenza naturale, usufruendo quindi della proroga, ma pare che anche questa non basti. La commissione competente non è stata ancora convocata, né tanto meno il Consiglio! Come al solito il bilancio è stato approvato esclusivamente in Giunta relegando il Consiglio Comunale ad un ruolo di semplice ratificatore. ANCHE QUEST’ANNO il tanto decantato “percorso condiviso” e “rapporto collaborativo” sbandierati dal sindaco Benini non si sono attuati.

Del Bilancio consuntivo 2016, la cui scadenza è il 30 aprile, ancora non se ne parla.

A chi attribuire le responsabilità? L’Assessore Aloisi è latitante? Eppure i tecnici preposti, come affermato anche dall’Assessore al Personale Giorgieri, sono delle “eccellenze” anche se non rispettano le scadenze! Non è servito neppure il richiamo della Maggioranza in occasione dell’ultimo Consiglio al rispetto delle scadenze di bilancio.

Ma l’Amministrazione Benini sa governare?

VARIANTE COSTA: PERCHE’ UN BAR SULLA SPIAGGIA LIBERA DI PRATORANIERI?

29 marzo 2017 at 13:45
image_pdfimage_print

Mare FollonicaCon  Delibera di Consiglio n 67, Variante n.6 al R.U. “Modifica delle Norme per l’Attuazione – Titolo VI Il mare e la costa”  l’Amministrazione comunale si è dotata di un nuovo strumento  con l’obiettivo indicato di procedere principalmente all’adeguamento al Piano di indirizzo Territoriale regionale con funzione di Piano Paesaggistico, rafforzato però, anche da una importante serie di variazioni di funzioni che  denotano altri obiettivi politici.

Oltre alle considerazioni tecniche già espresse nelle osservazioni presentate, sono altrettante le obiezioni politiche alle scelte effettuate dall’Amministrazione Comunale, che vedono la contrarietà del M5S sia nel merito che nel metodo utilizzato per l’adozione del Variante, senza alcun coinvolgimento preliminare delle opposizioni per un confronto ed eventuale condivisione di scelte.

Tra queste rientra la previsione di realizzare l’opera pubblica del chiosco bar sul mare nella zona di Pratoranieri, zona ex Tony’s per intendersi, a nostro avviso un’azione contraddittoria dell’Amministrazione Comunale rispetto agli obiettivi perseguiti con la Variante e dello stesso Piano Paesaggistico ad oggi vigente.

Continua a leggere…

Che fine ha fatto la gara di Spazi Ragazzi?

15 marzo 2017 at 18:30
image_pdfimage_print

politichegiovaniliEra il 31 gennaio quando in 2° commissione consiliare, chiesta dal M5S sulle politiche educative del Comune, ci veniva esposto il capitolato della gara e assicurato che ormai eravamo in dirittura di arrivo per la pubblicazione. E’ passato ormai un mese e mezzo e ancora niente. Alla nostra richiesta telefonica di chiarimenti in merito ci viene risposto che la Dirigente non ha avuto tempo di seguire la pratica.

Il Sindaco stesso in un evento pubblico nel mese di gennaio aveva assicurato che tutto era ormai pronto. Le politiche giovanili passano di Assessorato in Assessorato, sono della Giorgieri ma se ne occupa la Catalani, che forse è troppo impegnata per seguire anche questo settore.

A questo punto, anche ad essere comprensivi per i problemi degli uffici competenti, ci sembra che veramente la volontà di questa amministrazione è quella di non investire in questo settore, che riteniamo di importanza vitale sia per i giovani che per le loro famiglie e per la comunità in generale.

Ci sono molti ragazzi che aspettano o forse è meglio dire aspettavano la riapertura di questo servizio, ma che da mesi, ormai da luglio, hanno perso un punto di riferimento importante sia per il tempo libero che per il dopo scuola. Per non parlare del vuoto all’interno del progetto nelle scuole, che aveva aiutato tanti ragazzi con qualche problema ad affrontare in modo più sereno il percorso scolastico.

Speriamo che il Sindaco tanto sensibile a queste problematiche prenda finalmente in mano la situazione.

PROLOCO FOLLONICA: FARE TURISMO CON I FICHI SECCHI

13 marzo 2017 at 20:08
image_pdfimage_print

PROLOCORimanendo fedeli al proprio programma elettorale, il Movimento 5 Stelle ribadisce con convinzione che occorre puntare seriamente sul turismo follonichese cercando di utilizzare e valorizzare, attraverso un progetto d’insieme, tutte le potenzialità del nostro territorio. Lo Sport, il Parco di Montioni, l’Area Mercatale, la Fonderia n.1, il museo Magma, la cultura, lo spettacolo dovranno attraverso una sinergia far sì che il turismo si estenda anche durante i mesi invernali. In questa ottica è inevitabile affidare un ruolo primario alla Proloco, attribuendole compiti precisi ed obbiettivi importanti in termini di coordinamento, di organizzazione e di promozione turistica, assegnandole risorse finanziarie adeguate sia pubbliche che private. Una struttura dinamica ed efficiente sotto il controllo dell’Amministrazione Comunale con al suo interno personale motivato e retribuito adeguatamente. Un catalizzatore per gli studenti provenienti dagli istituti superiori con orientamento di informatica, linguistico, turistico e di marketing del territorio oltre al personale stabilmente impiegato.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica in sede di deliberazione in Consiglio Comunale della convenzione tra Amministrazione Comunale e l’Associazione Proloco, decise di esprimersi con un voto di astensione proprio perché la convezione stanzia soli € 38.000,00 per garantire l’accoglienza e l’informazione turistica, contributo a nostro avviso totalmente insufficiente se rapportato all’orario e al numero dei collaboratori dell’associazione impiegati e assolutamente inadeguato per assicurare loro una dignità retributiva.

Altro aspetto è il controllo da parte dell’Amministrazione Comunale sull’attività svolta dalla Proloco. Il Movimento 5 Stelle è infatti in attesa di risposte a richieste di accesso agli atti avanzate per venire in possesso di alcune rendicontazioni in merito ai compensi liquidati ai propri collaboratori. E’ ancora giacente un’interrogazione presentata a febbraio per sapere di chi si è avvalsa la Proloco per l’esecuzione del Progetto Daily News, mentre un’altra richiesta di accesso agli è stata appena depositata per conoscere quale struttura ricettiva sia stata scelta per ospitare la nazionale MTB che ha soggiornato nella nostra città pochi giorni or sono e con quale criterio. In entrambi i casi l’amministrazione ha deliberato contributi pubblici di € 6000,00 e di € 7000,00 a fronte di progetti presentati dall’associazione  poco dettagliati nei costi, negli obbiettivi e nelle attività previste. Insomma ci sono sembrate delle semplici richieste di cofinanziamento ad occhi bendati più che di veri e propri progetti.

Risulta quindi indispensabile non solo un potenziamento della Proloco, ma un maggior controllo e condivisione delle iniziative con l’Amministrazione e con tutto il tessuto sociale cittadino.

 

IL CIRCOLO “PORTO” CALA VIOLINA

12 marzo 2017 at 21:19
image_pdfimage_print

CIRCOLO CALA VIOLINAL’analisi alla “Variante Costa”, sulla quale il M5S ha espresso voto contrario all’adozione e depositato le relative osservazioni ha portato ad effettuare alcune riflessioni anche sull’area in gestione al Circolo Nautico Cala Violina.

A marzo 2016 è stato approvato il progetto preliminare per modificare le opere esistenti nell’area di spiaggia in concessione proprio al Circolo, con la costruzione di un pennello emerso trasversale, con la “motivazione” che tali opere non hanno funzionato adeguatamente e quindi fosse necessario intervenire per preservare la risorsa di sabbia che lì si accumula.

Con la Delibera Giunta 273/2016 di approvazione del piano triennale delle opere pubbliche si prevede, nel 2017, la costruzione e realizzazione del pennello ma con oneri a carico del privato che si presume possa essere il Circolo Nautico Cala Violina.

Continua a leggere… 

MARTELLINO: IL M5S FOLLONICA ATTENDE IL RISPETTO DELLA LEGALITA’

6 marzo 2017 at 15:31
image_pdfimage_print

Cane al MartellinoI termini di soddisfazione, utilizzati sulla stampa i primi di febbraio dagli assessori Pecorini e Giorgieri, con i quali descrivono la riconsegna alla città dell’area Cerreta di Valli in Località Martellino non ci convincono molto. Dovrebbero prima di tutto spiegare ai cittadini come sia stato possibile che ben tre Amministrazioni Comunali (Scarlino, Gavorrano e Follonica) con i rispettivi assessori, sindaci ed uffici tecnici non abbiano previsto, nei 700.000,00 euro sostenuti per il nuovo canile comprensoriale in Località la Botte, anche l’evidente e la naturale conseguenza della bonifica dell’area liberata dalla vecchia struttura. Non crediamo assolutamente, visto il costo esoso sostenuto per la realizzazione del nuovo canile, che non vi fossero margini per considerare i circa 30.000,00 euro necessari oggi per bonificare la zona. Forse una svista o una macroscopica inefficienza di ben tre amministrazioni di centro sinistra?

 Altra questione è quella legata al canile abusivo gentilmente ed eufemisticamente descritto dagli assessori come “alcune strutture leggere utilizzate da privati come ricovero per cani”. Ci viene da chiedere se il Movimento 5 Stelle non si fosse interessato fin da inizio legislatura con accesso agli atti, interrogazioni al sindaco, comunicati stampa e in ultimo il Blitz del nostro parlamentare Paolo Bernini come sarebbe andata a finire? Basti ricordare che anche in campagna elettorale tanto a destra quanto a sinistra i candidati spendevano parole rassicuranti in favore degli abusivi. Il Movimento 5 Stelle è sempre in attesa di avere dati richiesti nel lontano luglio 2016 in riferimento al monitoraggio promesso dall’assessore Giorgieri sui cani trasferiti e per sapere se in seguito al trasferimento siano stati denunciati decessi, ma molto probabilmente Comune e Asl non hanno intenzione di rispondere.

Il Movimento 5 Stelle invece risponde agli assessori Pecorini e Giorgieri che il problema non è del tutto risolto, per circa quindici anni ha prevalso una situazione di illegalità per di più in una area naturale protetta sotto gli occhi bendati di tre amministrazioni comunali e del gestore dell’area le Bandite di Scarlino. Credendo fermamente nel rispetto delle leggi e nelle istituzioni è stato depositato a febbraio 2016 un esposto presso la Procura della Repubblica di Grosseto.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE DELLE TRE PROVINCE DI ATO SUD

28 febbraio 2017 at 20:51
image_pdfimage_print

logom5snuovoRiceviamo e pubblichiamo:”Il dott. Mairaghi è il nuovo AD di SEI Toscana il Gestore Unico del Servizio integrato dei Rifiuti di ATO Toscana Sud. Come mai un uomo politico di spicco che viene da tante esperienze e incarichi di responsabilità di organi amministrativi (tutti di nomina politica PD) oggi è stato nominato Amministratore Delegato di SEI Toscana il Gestore privato del Servizio di rifiuti della Toscana Sud (Arezzo, Grosseto e Siena)?

La risposta è abbastanza semplice: il dott. Mairaghi è Presidente del CdA di STA, la società tramite la quale le tre grandi cooperative “rosse” tosco-emiliane UNIECO, LA CASTELNUOVESE E COOPLAT controllano SEI Toscana. Il dott. Mairaghi rappresenta l’anello di congiunzione di quel “groviglio”tra pubblico e privato tramite il quale il PD controlla l’intero sistema dei rifiuti nel sud della Toscana.

Un groviglio che non nasce ora, che c’è sempre stato. Un groviglio che ha portato ad avere un sistema di gestione inefficiente e costosissimo. In tutti questi anni nessuno dei Sindaci che governavano ATO ha mai sollevato un dubbio sulla bontà del sistema, anche quando i costi salivano alle stelle, e sono gli stessi Sindaci che negli anni hanno approvato senza battere ciglio ogni provvedimento in ATO Sud, compreso l’affidamento del servizio a Sei Toscana.

Ci chiediamo: perché, persino nel momento in cui ANAC chiede il commissariamento di SEI che, secondo la Magistratura e la stessa ANAC si sarebbe aggiudicata la gara in modo irregolare, la risposta della società dentro l’occhio del ciclone, la cui maggioranza azionaria è detenuta dalle tre Coop rosse, è quella di nominare suo amministratore un politico di professione?

Il PD, che controlla ATO con i Comuni eil Gestore SEI con le tre Cooperative, piazza i suoi uomini là dove meglio gli servono attraverso un sistema di vasi comunicanti che costituisce l’apoteosi del conflitto di interessi (Controllore e Controllato sono espressione dello stesso soggetto), necessario a garantire che nulla venga modificato,con il risultato che ad essere privilegiati sono gli interessi delle aziende targate PD invece di quelli dei cittadini.