Popular Tags:

MANCATA APPROVAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016. FOLLONICA A RISCHIO COMMISSARIAMENTO?

25 maggio 2016 at 12:00
image_pdfimage_print

bilanciAncora una volta dobbiamo rilevare un notevole ritardo nell’approvazione dei Bilanci del Comune targato PD.

Lo scorso anno l’approvazione della previsione di bilancio in Consiglio è avvenuta con un mese di ritardo, approvando nella sostanza pressoché un consuntivo, difatti il Consiglio ha deliberato il 28 agosto mentre la scadenza era il 30 luglio.

Il Consuntivo 2015 quindi sarebbe dovuto essere pronto. Sbagliato! Nel 2016 al Comune di Follonica sono voluti 23 giorni di ritardo per l’approvazione del Consuntivo dell’anno passato, deliberando lo scorso 23 maggio in luogo della prescritta scadenza del 30 aprile.

Tutto tace per quanto riguarda il Preventivo 2016. Eppure la norma statale prevede che lo si dovrebbe approvare entro il 30 dicembre dell’anno precedente, ma i Comuni confidano ormai da anni nella benevola proroga governativa che puntualmente è arrivata anche quest’anno: prima prevista per il 31 marzo e poi ancora prorogata al 30 aprile.

Continua a leggere…

RESTITUTION DAY: 100 DEFIBRILLATORI PER I TOSCANI

24 maggio 2016 at 18:00
image_pdfimage_print

Defibrillatori-Toscana_per_Proiezione-300x200Nell’ambito dell’iniziativa “RESTITUTION DAY” il M5S DI Follonica comunica alla cittadinanza che Sabato 28 Maggio 2016 alle ore 10 presso l’Istituto Comprensivo 1 di Follonica verrà consegnato uno dei 100 defibrillatori da donare ad associazioni sportive, scuole e palestre toscane, grazie al taglio delle indennità e dei rimborsi spese dei Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle. L’iniziativa è stata presentata il 16 maggio alle ore 11 nella sala  10 del Consiglio regionale dai parlamentari Luigi Di Maio e Laura Bottici e dai Consiglieri Portavoce regionali M5S.

Ogni mese la Regione Toscana paga ai consiglieri circa 10.000 euro tra indennità e rimborsi forfetari. 12 mila se il destinatario ricopre cariche nelle Commissioni consiliari. Il M5S ritiene questi importi immorali, soprattutto in una Regione dove 155 mila famiglie vivono in condizione di povertà. Ogni mese i Consiglieri regionali M5S decurtano del 50% l’indennità ricevuta dalla Regione e restituiscono l’eccedenza in un fondo congiunto, dove confluiscono anche i rimborsi spese non rendicontati. Questi soldi sono dei cittadini e ai cittadini devono tornare. Con i primi 120 mila euro accumulati è stato scelto di donare 100 defibrillatori a 100 spazi aggregativi, soprattutto sportivi, dove manca questo salva-vita. Ne sono stati acquistati 10 per ogni provincia e assegnati a strutture scelte dai nostri gruppi locali sulla base delle esigenze riscontrate dai cittadini. I 100 defibrillatori saranno consegnati nei prossimi due mesi personalmente a tutti i destinatari; un piccolo tour che darà l’occasione ai portavoce regionali per raccontare un anno di attività dentro il “palazzo” regionale.

I 10 defibrillatori per la provincia di Grosseto sono stati assegnati a: Oasi “Lago di Burano” e oasi provinciali WWF (Capalbio); Istituto comprensivo “Orsino Orsini” (Castiglione della Pescaia); Istituto comprensivo “Follonica 1” (Follonica); Misericordia (Giglio); Palazzetto dello sport (Manciano); Istituto comprensivo “Orsino Orsini” Marina di Grosseto (Grosseto); USO –  Unione Sportiva Orbetello (Orbetello); Istituto Statale “Umberto I” (Pitigliano); Pro Loco (Scansano); Istituto Statale “Umberto I” (Sorano).

QUANDO PIANIFICARE E’ UN OPTIONAL

21 maggio 2016 at 17:22
image_pdfimage_print

lightbulbCercare di dare risposte e soluzioni alle problematiche dei cittadini è prerogativa indispensabile di un’Amministrazione degna di questo nome. Sicuramente non è compito semplice, che diventa ancora più arduo quando non si interpellano le persone coinvolte in lavori utili per migliorare alcune criticità pubbliche, ma senza valutare gli effetti collaterali, evitabili con un ascolto più attento dei soggetti coinvolti. Esempio calzante, che rientra nella casistica descritta sopra, è l’illuminazione progettata dall’Amministrazione in Piazza XXV Aprile.

Luogo che nel tempo è stato oggetto di molte segnalazioni dei residenti per atti vandalici e spaccio di sostanze stupefacenti, favoriti dalla totale assenza di illuminazione e telecamere di sorveglianza. Si è provveduto quindi ad istallare dei pali di illuminazione stradale aderenti agli edifici che vanno dalla Torre Azzurra fino al ristorante Paolino. Sicuramente la buona intenzione dell’Amministrazione era quella di dare risposte alle problematiche sopra elencate, senza valutare il fatto però che, alcuni inquilini degli edifici menzionati, si sono ritrovati un faro acceso praticamente in casa. Oltre alla poca sensibilità nell’ascolto dei cittadini, il risultato ottenuto non è dei migliori, ovvero l’illuminazione della Piazza risulta solo a metà, un po’ come se in un appartamento si volesse illuminare la sala con la luce della cucina. Sembra che dopo le lamentele dei soggetti interessati, si provvederà allo spostamento di un lampione, costo aggiuntivo per la cittadinanza. Le domande sorgono spontanee: perché i cittadini non vengono preventivamente informati sui lavori che li riguardano in prima persona? Perché a Follonica non esiste una pianificazione che permetta di unificare, contestualmente al luogo, l’istallazione di uguali tipologie di illuminazione abbattendo così i costi di gestione? Facendo una piccola analisi delle nuove opere fatte in città negli ultimi anni, non esiste un’illuminazione che la si possa ritrovare ripetuta su più opere pubbliche. Crediamo di parlare del minimo sindacale da pretendere per una corretta gestione della cosa pubblica.

MICROCREDITO A 5 STELLE ANCHE IN TOSCANA!

15 maggio 2016 at 10:05
image_pdfimage_print

MicrocreditoGrazie a oltre 14 milioni di stipendi restituiti dagli eletti M5S è stato costituito un fondo di garanzia per il microcredito che ha già finanziato oltre mille imprese e creati 2500 posti di lavoro.

Finalmente! Dopo mesi di incontri con gli organismi preposti, il Movimento 5 Stelle ha raggiunto un accordo estremamente interessante con Fidi TOSCANA per rendere veloce ed economico l’accesso al microcredito.

In Toscana, come anche per le regioni Marche e Abruzzo, non è possibile accedere al finanziamento tramite microcredito senza dover passare da Confidi: tanto per citarne due nella nostra zona, Fidi Toscana e Artigiancredito.

L’accordo è stato preso anche con Banca Intesa, sempre a livello regionale, pertanto possiamo tranquillamente confermare a tutti coloro che volessero intraprendere un’attività commerciale/artigianale/ professionale che gli strumenti di credito con le garanzie del microcredito a 5 Stelle sono perfettamente operativi, veloci ed economici.

Continua a leggere…

Non cambia niente…Interrogazioni del M5S Follonica sempre in attesa di risposta!!!

11 maggio 2016 at 17:47
image_pdfimage_print

TrasparenzaSono ancora quattro le interrogazioni presentate dal Movimento 5 Stelle che ad oggi sono in attesa di un’adeguata risposta da parte del Sindaco Benini. Se è vero che la minaccia avanzata da tutte le forze politiche di minoranza di rivolgersi alla Procura della Repubblica ravvisando la violazione dell’art. 328 c.p., ovvero rifiuto e/o omissioni di atti d’ufficio, ha prodotto nell’immediato qualche risultato è altrettanto vero che le risposte che sono pervenute sono state superficiali, incomplete e a dir poco insoddisfacenti, ciò riscontrabilissimo riguardando la video registrazione dell’ultimo consiglio comunale.

Le interrogazioni ancora inevase con termini abbondantemente scaduti riguardano “Stadio A. Nicoletti” del 28/12/2015,Arena Spettacoli e Area Mercatale“ del 21/01/2016, “Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti del 04/02/2016”, “Legittimità delle convenzioni fra ATO SUD Rifiuti e gestori impianti smaltimento rifiuti“ del 21/03/2016. Nessuna giustificazione risulta plausibile di tale ritardo, tanto meno quella secondo la quale le stesse andrebbero ad ingolfare gli uffici, visto che interessano settori, dirigenti e assessorati diversi.  Forse rimangono a lungo sulla scrivania del Sindaco per un’attenta rivisitazione delle risposte? Stante le ultime fornite sembrerebbe di no dato che pure il primo cittadino durante la lettura in Consiglio Comunale delle ultime due sul Verde Pubblico e sul Teatro sembrava essere meravigliato e ironicamente sorpreso di ciò che stava leggendo.

Continua a leggere…

Intervento di Gabriele Cecchini su verde pubblico

4 maggio 2016 at 19:06
image_pdfimage_print

Anche sulla manutenzione del verde avevamo ragione!!

Grazie al supporto di esperti della materia abbiamo dimostrato, con dettagli tecnici e valutazioni con tanto di fotografie consegnate a tutti i consiglieri, le difformità riscontrate tra ciò che prevedeva l’appalto dell’ultima manutenzione del verde pubblico e gli interventi che di fatto sono stati eseguiti.

Sbrancature e scoronature al posto di rimonde del secco, capitozzature invece di potature moderate o a calice, tutti interventi che a nostro avviso potrebbero causare un danno permanente al patrimonio arboreo follonichese, oltre che un danno estetico, di immagine della città e di sicurezza.

Vigileremo in futuro che tutte le buone pratiche di manutenzione del verde urbano siano rispettate denunciando con tempestività ciò che di scorretto verrà eseguito con la speranza che l’Amministrazione operi con più umiltà, dando ascolto a quei cittadini e a quelle forze politiche come il Movimento 5 Stelle che avevano cercato un dialogo ma che sono rimasti inascoltati.

IL M5S FOLLONICA DOMANDA, IL SINDACO E ASL NON RISPONDONO

2 maggio 2016 at 19:02
image_pdfimage_print

Salute-A settembre 2015 abbiamo richiesto al sindaco Benini di fornirci un importante documento: il Referto Epidemiologico dei cittadini follonichesi. Nonostante il sollecito del 15 febbraio scorso ad oggi non abbiamo avuto risposta né tanto meno spiegate le motivazioni di tale ritardo. Il documento richiesto è di estrema importanza per fotografare la situazione attuale dello stato di salute dei nostri concittadini e propedeutico per l’individuazione di efficaci azioni di contrasto nei confronti delle diseguaglianze nella salute e nell’assistenza sanitaria. Un documento che il Sindaco di ciascun Comune può e deve richiedere all’ASL di appartenenza e che contiene dati su mortalità, ricoveri, accesso ai farmaci, altre informazioni sanitarie relativa alla popolazione del proprio comune.

I dati correnti esistono già, sono già informatizzati, codificati presso le Asl, gli ambulatori medici e gli ospedali e riferiti ad ogni individuo che abbia avuto contatti con strutture sociosanitarie pubbliche o private. Questo strumento è alternativo nelle Asl dove ancora non è attivo il Registro dei Tumori.

La normativa di riferimento è la legge regionale 29 luglio 2014, n. 44 (Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 “Disciplina del servizio sanitario regionale”) in base alla quale la Giunta regionale elabora, entro centoventi giorni dall’entrata in vigore della legge apposite linee guida per la predisposizione dei “P.I.S.” PIANI INTEGRATI DI SALUTE. I quali, in coerenza con le disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale, sono lo strumento di programmazione integrata delle politiche sanitarie e sociali a livello aziendale e sono articolati per ciascuna zona-distretto e società della salute, con funzioni sia strategiche che attuative.

Come mai non ci viene risposto? Quanto ancora dobbiamo aspettare?

Consiglio Comunale del 29.04.2016 – Intervento di T. Gianfaldoni

1 maggio 2016 at 20:13
image_pdfimage_print

Ci scusiamo per l’audio a tratti poco chiaro, ma l’impianto della Sala Consiliare non è dei migliori. Per rendere chiara la nostra interrogazione, la risposta che ci ha fornito l’Amministrazione e quello che potete sentire nel video, vi riassumiamo in breve la problematica sollevata.

Che a Follonica finalmente si sia riusciti a dare vita, attraverso il recupero della Fonderia n°2, alla nascita di un teatro, è un traguardo importante di cui la nostra Città aveva bisogno e per questo non possiamo che plaudire al Comune di Follonica.

La complessità tecnica di una struttura come il teatro è molto spesso nascosta agli occhi degli spettatori, i quali possono soltanto immaginare cosa ci possa essere dall’altra parte del palcoscenico. Per mettere in scena uno spettacolo teatrale di alto livello scenico, il teatro deve essere dotato di numerosi dispositivi e attrezzature meccaniche, elettriche ed elettroniche.
Tali apparecchiature e impianti sono utili alla corretta gestione:
– dell’impianto di illuminazione
– delle scenografie fisse e mobili
– del palco
– del sipario
La domanda che avevamo posto all’Amministrazione in sintesi riguardava la motivazione per cui erano state istallate luci di sala ad Ioduri metallici, le quali, una volta spente, non possono essere riaccese perché occorre che si raffreddino.

La loro messa in funzione la si può fare solo dopo un tempo che può oscillare tra i 4, 5 minuti. Tali dispositivi sono fuori norma, anche perché non esiste una linea secondaria da attivare in casi di emergenza. Se in sala una persona dovesse essere soccorsa per un malore, non ci sarebbe luce sufficiente.

Avevamo anche chiesto di chi è la responsabilità di tale scelta, sia per l’acquisto, che per l’istallazione, ma non abbiamo avuto risposta.

Questo è solo un esempio di problematica tecnica che abbiamo registrato sul teatro. Le prossime interrogazioni saranno mirate ad approfondire scelte opinabili quali, ad esempio, la scelta di un sipario elettrico molto costoso che dopo tre rappresentazioni si è rotto; il palcoscenico non ha illuminazione di servizio visto che le quarzine sono istallate dietro le quinte, che è come montare un televisore dietro l’armadio.

Ci fermiamo qui, perché l’elenco è molto lungo e ci riserviamo di porre tutte queste domande all’Amministrazione.

Noi vi terremo informati, perché quando ci sono soldi pubblici in ballo non possiamo fare sconti a nessuno.

GRAZIE AL M5S FOLLONICA DICE NO AI CIRCHI CON ANIMALI ESOTICI

29 aprile 2016 at 14:45
image_pdfimage_print

circoUn importante traguardo per il rispetto degli animali e della pubblica incolumità è stato raggiunto nell’ultimo Consiglio a Follonica. Su tutto il territorio comunale sono stati banditi i circhi che esibiscono gli animali di quelle specie che le linee guida CITES prevede non compatibili con gli spettacoli viaggianti.

E’ stata difatti approvata la proposta del Movimento 5 Stelle di modifica del Regolamento sugli spettacoli viaggianti nella parte che disciplina i circhi equestri, e che, recependo le citate linee guida CITES e le disposizioni del Regolamento-tipo sulla tutela animali dell’Anci, garantisce agli animali, che sono ancora costretti d esibirsi, condizioni di detenzione più favorevoli e tutela l’incolumità pubblica.

Leoni, elefanti, giraffe ma anche orsi, foche, rapaci e rettili sono potenzialmente pericolosi in queste strutture e la loro detenzione ed esibizione si risolvono in vere e proprie torture, umiliazioni e maltrattamenti, inoltre la sensibilità dei cittadini verso le condizioni di questi animali è aumentata e sempre più persone rifiutano questo tipo di spettacolo.

Il Consiglio Comunale di Follonica ha lanciato un segnale forte e sempre più Comuni adottano regolamentazioni che scoraggiano l’impiego di animali nei circhi.

Auspichiamo che altri Comuni della provincia grossetana, della Regione Toscana e dell’intera nazione seguano l’esempio di Follonica, ma occorre fare ancora di più.

Il passo successivo è l’abolizione dei finanziamenti pubblici ai circhi che impieghino animali di qualsiasi specie nei loro spettacoli.

La nostra Portavoce alla Camera dei Deputati del Movimento, Chiara Gagnarli, ha presentato una proposta di legge che purtroppo il Parlamento non ha mai calendarizzato e giace nei cassetti da ottobre 2013.

PROPOSTE 5 STELLE IN CONSIGLIO COMUNALE

27 aprile 2016 at 16:43
image_pdfimage_print

consiglio

Quello del prossimo 29 aprile ’16 sarà un consiglio comunale all’insegna del Movimento 5 Stelle, molti dei punti all’ordine del giorno riguardano infatti il frutto del lavoro svolto da tutto il gruppo penta-stellato follonichese.

Continua a leggere…