Cambiamenti climatici!?

10 settembre 2017 at 15:51
image_pdfimage_print

 

follonica-sottopasso-1Abbiamo assistito nei giorni scorsi ad un evento climatico importante che ha causato ingenti danni e problemi alla viabilità pubblica, alle attività commerciali, stabilimenti balneari e civili abitazioni. Evento sicuramente eccezionale del quale tutti, dal Sindaco Benini, al consigliere Chirici di Gente di Follonica, al Cna di Grosseto con il suo direttore Anna Rita Bramerini, sottolineano il grande impeto e richiedono “interventi straordinari”. Per far capire l’ipocrisia della Politica e di come la gestione degli interventi manutentivi nella nostra città vengano eseguiti “a spot” e non con una programmazione mirata e costante, basta leggere la rassegna stampa del giugno 2014 e confrontarla con quella di questi giorni, praticamente un “copia incolla”! Da tre anni a questa parte troppo poco si è fatto per prevenire e gestire al meglio queste situazioni. Maggiore è il fenomeno meteorologico, maggiori sono i detrattori che per l’occasione si svegliano da periodi di torpore che intercorrono tra un disastro e l’altro, rammaricandosi ed incolpando il cambiamento climatico in atto, così come le varie associazioni di categoria che chiedono un territorio sicuro, adeguamenti strutturali e manutenzioni.

Continua a leggere…

Il M5S ha sempre sostenuto che a Follonica manca una programmazione sistematica della manutenzione del nostro territorio, di fatto vengono eseguiti rattoppi del manto stradale sgretolati, pulizia delle caditoie insufficiente ed eseguita in ritardo, mentre dovrebbe  essere eseguita e gestita anche in funzione dell’evoluzione climatica periodica, incremento o sostituzione delle caditoie non idonee ecc. Innumerevoli sarebbero gli interventi possibili e fattibili ma a poco servirebbero per una Maggioranza di governo stordita dalla “sbornia degli eventi follonichesi” di questa estate. Servirebbe ogni tanto riflettere su come i governi nazionali, regionali e locali hanno contribuito negli anni con politiche scellerate a causare le disgrazie odierne.

La totale mancanza di riguardo dell’uomo nei confronti dell’ambiente, ha inevitabilmente portato conseguenze drammatiche: dal periodo della rivoluzione industriale ad oggi, la temperatura globale sta continuamente aumentando, provocando non solo il fenomeno del cambiamento climatico ma anche altri gravi squilibri nell’ecosistema.

Il concetto di crescita economica senza limiti significa continua escalation di sfruttamento delle risorse naturali e produzione di oggetti di consumo nella maggior parte inutili o superflui. Si calcola che l’uomo se continuerà a perpetrare questo sfacelo, dovrà impiegare tre volte il PIL mondiale per difendersi dalle calamità naturali ma a quel punto dovremmo incolpare solo noi stessi e nessun altro.

Be Sociable, Share!