image_pdfimage_print

MAFIA IN TOSCANA … FOLLONICA NON FA ECCEZIONE

17 ottobre 2017 at 18:50

mafia-toscanaQuando si parla di mafie o comunque di un sistema mafioso si pensa che sia una questione tutta meridionale, purtroppo sono anni che la malavita organizzata, sotto le sue varie sembianze, è emigrata nel resto dell’Italia e in buona parte del mondo. La triste vicenda che colpisce duramente Follonica non è altro che la conferma che anche la Toscana e purtroppo la nostra città non si devono sentire immuni da questi sistemi delinquenziali. Da mesi il Movimento 5 Stelle regionale, in collaborazione con il senatore Giarrusso Mario Michele, membro della Commissione Giustizia in Senato, è impegnato in un tour formativo e informativo sulla legalità in Toscana. Durante le tappe di Viareggio, Suvignano in provincia di Siena e a Sesto Fiorentino, il Movimento 5 Stelle ha affrontato tematiche quali appalti e concessioni, strumenti di contrasto dell’illegalità a disposizione dei cittadini, interdittiva antimafia, report gioco d’azzardo legale e illegale con la mappa delle collusioni con la criminalità organizzata, con il preciso intento di informare e formare i propri attivisti e portavoce e per offrire un’illustrazione più realistica della situazione in Toscana, ormai sotto attacco delle mafie. Grazie agli arresti eseguiti nei giorni scorsi a Follonica su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, come risulta dalle indagini, è emerso come il sistema mafioso abbia avuto modo di introdursi nelle istituzioni e questo deve far riflettere tutti. Cittadini e soprattutto le istituzioni, oltre ad indignarsi, devono alzare il livello di attenzione affinché la città di Follonica non cada in un crescente degrado di illegalità.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica ripone massima fiducia nell’operato dalla DDA di Firenze e ringrazia i Carabinieri del comando provinciale e i Finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza che, in collaborazione, sono stati impegnati nelle indagini e nelle operazioni svoltesi l’undici di ottobre.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica condanna quanto accaduto e crede fermamente che tali sistemi mafiosi possano essere debellati ricorrendo alla massima trasparenza delle istituzioni alzando il livello di controllo e soprattutto con alto senso di morale e di legalità a partire da ogni singolo cittadino fino ad arrivare ai rappresentanti delle istituzioni ripudiando ogni tipi di sistema malavitoso.

Risulta altresì importante che, a tutti i livelli della società civile, si collabori con la Commissione Antimafia ogni qualvolta la minaccia mafiosa si presenti, in qualsiasi forma sia, senza alcun indugio o remora, e senza invocare il diritto alla riservatezza, qualora la rinuncia alla privacy possa permettere indagini più veloci ed efficaci. Quando parliamo di mafia, l’atteggiamento deve essere rigido e determinato, senza alcuna ambiguità a riguardo.

Trasparenza invece osteggiata dalla Massoneria difatti il Grande Oriente d’Italia è da alcuni mesi al centro di uno scontro politico-giudiziario con la Commissione Parlamentare Antimafia e, in particolare con il suo presidente Rosy Bindi, a seguito del rifiuto del Gran Maestro, Stefano Bisi, di fornire gli elenchi degli iscritti alla loggia. Il primo marzo scorso proprio per ordine della Commissione sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza gli elenchi degli iscritti di Sicilia e Calabria. Una misura imposta — a giudizio dei commissari — dalla necessità di conoscere i nomi di alcuni aderenti nell’ambito dell’indagine parlamentare su presunte infiltrazioni di elementi della criminalità organizzate in alcune logge delle due regioni. Ricordiamo che la medesima loggia, Grande Oriente d’Italia, ha tenuto, pochi giorni fa, un convegno INTERNAZIONALE proprio nella città di Follonica ed il primo cittadino Andrea Benini non ha mancato di fare gli onori di casa.

ASSESSORE ALLA CULTURA……..ANCORA NON CI SIAMO!

28 settembre 2017 at 18:08

musica1Il Movimento 5 Stelle di Follonica ritiene che l’Assessore alla Cultura Barbara Catalani non abbia chiare le responsabilità e le modalità di operare che il suo ruolo comporta.

Dopo aver concesso l’utilizzo della Pinacoteca a favore di un privato senza concessione e gratuitamente, l’Assessore continua a perseverare utilizzando l’Ente Pubblico per veicolare le iniziative solo di alcune associazioni operanti nel settore culturale e musicale di Follonica. Ad essere entrata nelle grazie dell’Assessore, questa volta, è stata la scuola privata “Spazio Arte”, per la cui nuova stagione l’Amministrazione Benini ha indetto apposita conferenza stampa tenutasi direttamente nel Palazzo Comunale. Riconosciamo a “Spazio Arte” meriti, valore e l’importanza del suo ruolo all’interno del panorama musicale follonichese, ma riteniamo che il sistema di lavorare e di rapportarsi dell’assessore Barbara Catalani con la comunità cittadina sia assolutamente inopportuno e inadeguato.

Si ricorda che l’azione della Pubblica Amministrazione deve essere imparziale.

A tal proposito il Gruppo Consiliare M5S ha provveduto a depositare un’interrogazione al Sindaco con la speranza che lo stesso si dissoci da questo modo di interagire con il mondo culturale follonichese al fine di non perseverare nel madornale errore di privilegiare alcune realtà a discapito di altre.

Ci aspettiamo quindi che l’Assessore Catalani promuova in altre conferenze stampa, TUTTE le realtà private e associazioni presenti sul territorio, al fine di presentare la variegata pluralità dell’offerta culturale, sociale e musicale affinché tale pluralità, a parità di meriti, cresca ogni giorno di più nella nostra città in nome di una leale competizione nonché collaborazione reciproca.

GESTIONE IMPIANTI CALCISTICI ALLA UISP

25 settembre 2017 at 18:49

CalcioAnche nello sport la Giunta Benini non si smentisce, affidata direttamente la gestione provvisoria dei campi di calcio di Follonica ad un’associazione facente parte della grande famiglia del Partito Democratico, la UISP. Anche in questo caso si tratta di un servizio, nello specifico di guardiania, pulizia e tenuta campi, per un importo di poco inferiore ai 40.000 euro (€ 38.720). Una gestione provvisoria della durata di quattro mesi in previsione che l’Ente predisponga la gara pubblica per la gestione sportiva e degli impianti in maniera definitiva.

La scelta della UISP ci fu anticipata in occasione dell’ultima commissione consiliare sul Calcio, richiesta da una parte dell’opposizione per avere il punto della situazione a seguito della revoca della gestione degli impianti alla USD Follonica da parte dell’Amministrazione Comunale. In quella sede il Sindaco anticipò che la gestione provvisoria del calcio sarebbe ricaduta su un soggetto terzo quale la UISP.

Continua a leggere…

ALTRE DUE MOZIONI A 5 STELLE

18 settembre 2017 at 17:50

mozioniAltre due mozioni pentastellate che si aggiungono alla lista delle venti mozioni già presentate dal Movimento 5 Stelle di Follonica da inizio legislatura fino ad oggi. Le due nuove mozioni depositate al protocollo del Comune di Follonica in data 14/09/2017 riguardano la Gora delle Ferriere e il Teatro Fonderia 2.

Su i due argomenti il Movimento 5 Stelle ha espresso più volte la propria opinione pubblicamente, visto però la sostanziale inerzia della Giunta Benini riteniamo opportuno che sulle due questioni si esprima il Consiglio Comunale.

La proposta del Movimento 5 Stelle, per quanto riguarda la Gora, sostanzialmente è orientata a rivedere in maniera drastica la concessione di emungimento di acqua a favore della Nuova Solmine spa, per la quale tra l’altro siamo sempre in attesa di conoscere dalla Regione Toscana dettagli sulle concessioni rinnovate e i rispettivi canoni che l’azienda dovrebbe erogare alla Regione. E’ impensabile che non si permetta ad un corso d’acqua di arrivare fino alla sua naturale destinazione, alla luce dei nuovi scenari climatici proponiamo che l’acqua della Gora delle Ferriere alimentata da una sorgente propria, sia sottoposta ad opportune analisi affinché possa essere utilizzata come acqua potabile andando ad integrare così il sistema idrico attuale invece di andare a pensare alla realizzazione di nuovi bacini a spese dei cittadini. Quindi un uso prevalentemente pubblico, agricolo, per uso civile e marginalmente per scopi industriali e solo per il tempo necessario affinché il privato si approvvigioni in modo autonomo con sistemi alternativi.

Per quanto riguarda il teatro sottoponiamo al Consiglio Comunale per la stagione teatrale del 2018/2019 una rivisitazione della campagna abbonamenti, in modo da destinare agli abbonati solo il 50% della capienza totale del teatro contro il 75% attuale e senza diritto di prelazione ormai non più in uso nella maggior parte dei teatri moderni. Una proposta questa già pronta da tempo ma mai presentata poiché fu avanzata da una parte della stessa maggioranza in una commissione consiliare. Anche in questa occasione la maggioranza si è dimostrata per l’ennesima volta inaffidabile e affatto credibile.

COMUNE DI FOLLONICA E SEI TOSCANA …..UN LEGAME INDISSOLUBILE

14 settembre 2017 at 19:33

sei-toscanaForse non era abbastanza aver affidato la gestione del ciclo integrato dei rifiuti delle tre province Grosseto-Siena-Arezzo con contratto multi milionario al gestore unico Sei Toscana, così l’Amministrazione Benini si è prodigata per affidare direttamente altri due servizi importanti per Follonica: la raccolta dei rifiuti sull’arenile per € 37.000 e la pulizia di 1500 caditoie stradali per € 34.700. Impegni di spesa di poco inferiore ai 40.000 euro, limite oltre il quale il nuovo codice degli appalti prevede una procedura negoziata anziché l’affidamento diretto. Possiamo capire che il PD, diventato oramai una vera e propria multi-utility, debba incrementare il fatturato di una delle proprie aziende di partito, ma che lo faccia con Sei Toscana srl, al momento, ci sembra poco opportuno. Ricordiamo infatti che l’azienda è stata commissariata con provvedimento del Prefetto di Siena dopo la richiesta dell’Autorità nazionale anticorruzione a seguito dell’inchiesta per turbativa d’asta e corruzione aperta (a fine 2016) dalla Procura di Firenze sulla gara da 3,5 miliardi di euro (che ha portato all’arresto i vertici della società e dell’Ato Toscana Sud.

Nonostante il cambio ai vertici, Sei Toscana rimane un’azienda di partito lo dimostra che il nuovo presidente in quanto manager nominato dal PD deve versare allo stesso circa 5.000 euro del proprio compenso fonte http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/i-manager-nominati-dal-pd-obbligati-a-finanziare-il-partito/ .

Continua a leggere… 

Cambiamenti climatici!?

10 settembre 2017 at 15:51

 

follonica-sottopasso-1Abbiamo assistito nei giorni scorsi ad un evento climatico importante che ha causato ingenti danni e problemi alla viabilità pubblica, alle attività commerciali, stabilimenti balneari e civili abitazioni. Evento sicuramente eccezionale del quale tutti, dal Sindaco Benini, al consigliere Chirici di Gente di Follonica, al Cna di Grosseto con il suo direttore Anna Rita Bramerini, sottolineano il grande impeto e richiedono “interventi straordinari”. Per far capire l’ipocrisia della Politica e di come la gestione degli interventi manutentivi nella nostra città vengano eseguiti “a spot” e non con una programmazione mirata e costante, basta leggere la rassegna stampa del giugno 2014 e confrontarla con quella di questi giorni, praticamente un “copia incolla”! Da tre anni a questa parte troppo poco si è fatto per prevenire e gestire al meglio queste situazioni. Maggiore è il fenomeno meteorologico, maggiori sono i detrattori che per l’occasione si svegliano da periodi di torpore che intercorrono tra un disastro e l’altro, rammaricandosi ed incolpando il cambiamento climatico in atto, così come le varie associazioni di categoria che chiedono un territorio sicuro, adeguamenti strutturali e manutenzioni.

Continua a leggere…

GORA DELLE FERRIERE: A GALLA LA VERITA’!

28 agosto 2017 at 13:52

gora

Sulla ormai nota vicenda della mancanza di acqua nel corso della Gora, che, a nostro avviso, risulta essere tra le cause non solo della morìa dei pesci ma anche dei conseguenti problemi di igiene urbana e di danno ambientale, il Sindaco Benini e il Vice Sindaco, nonché Assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Pecorini hanno fatto affermazioni poco chiare e fuorvianti.

Occorre informare la cittadinanza dicendo come stanno veramente le cose.

Si continua ad imputare l’assenza di acqua alla grande siccità degli ultimi mesi e ai prelievi effettuati lungo il corso della Gora per le irrigazioni, ma l’unico vero emungimento che causa l’interruzione totale di afflusso di acqua che alimenta la foce del Petraia è quello presente in Località Cannavota a favore della Nuova Solmine.

Un prelievo autorizzato nel lontano 1979 con atto ministeriale che concede alla Solmine un prelievo di ben 200 litri al secondo, limite che dubitiamo venga controllato con regolarità. Sul sito del prelievo infatti appare e scompare una tavola che interrompe quasi totalmente il deflusso dell’acqua dirottandola nel bacino adiacente o che comunque viene deviata. Nell’atto risultano altre nove concessioni che captano in totale 100 litri di acqua al secondo a fronte dei 200 litri a favore dell’industria la quale gode inoltre di una concessione preferenziale.

Continua a leggere…

SCUOLA DI MUSICA “B.BONARELLI”: FACCIAMO CHIAREZZA

13 agosto 2017 at 20:59

scuola-musica-bonarelli

Troppo spesso, a nostro avviso impropriamente, la Scuola di musica “B.Bonarelli” viene associata ad una scuola di musica “comunale”. Tale definizione viene utilizzata sia sulla stampa che nella promozione della scuola stessa o negli eventi, ma di fatto l’istituto non ha i requisiti giuridici né tanto meno il metodo operativo di una scuola pubblica. L’utilizzo improprio del termine, e secondo noi ancor più grave, è adottato soprattutto dall’Amministrazione comunale e non solo da quella attuale.

Senza dubbio il fattore storico, il merito che tutti le riconosciamo compresa l’aver diffuso su tutto il nostro territorio la lingua universale della musica hanno portato a considerare la scuola come “comunale”. Ciò nonostante la storia ed i tanti meriti non possono portare a certificare l’istituto come pubblico e comunale, sarebbe fuorviante e scorretto verso le tante altre realtà culturali e musicali ormai affermate e altrettanto valide che si sono consolidate negli ultimi anni nella nostra città.

Ma perché riteniamo che definire tale scuola “COMUNALE” è sbagliato?  Perché non sceglie i propri docenti attraverso bandi pubblici, quindi con criteri certi e trasparenti senza nulla togliere a quelli attuali proprio per il fatto che di pubblico non ha niente; il bilancio non viene approvato dal Consiglio Comunale così come non vengono approvate o concordate le rette scolastiche dall’Amministrazione Comunale. Inoltre le cariche apicali non sono di nomina pubblica né tanto meno politica in quanto giustamente nello stesso statuto dell’Associazione Musicale Follonichese, attraverso la quale viene gestita la scuola di musica, si afferma che l’associazione stessa si definisce apolitica ed apartitica.

Continua a leggere…

EPPURE CI SI FACEVA IL BAGNO

25 luglio 2017 at 10:36

petraiaSuperficiale e poco credibile sarebbe fermarsi a ragionare del fatto che il problema della foce del Petraia (tratto terminale che sfocia in mare), si possa giustificare dalla mancanza di acqua, causata dalla siccità. Su questo sembra che tutte le forze politiche siano d’accordo.  Viene pompata acqua per irrigare i campi dalla Cura in poi dove la sorgente Inferno alimenta la Gora prima del Pecora; risulta inoltre che lo sfruttamento di questa importante risorsa sia anche per usi industriali e non si capisce perché, pur essendoci delle concessioni rilasciate dagli enti preposti, gli stessi non intervengono per garantire quel minimo di acqua necessaria per mantenere la vita in un canale ricco di biodiversità. Sicuramente ci saranno delle ragioni riguardanti il processo produttivo, ma sta di fatto che la Gora resta senza acqua a causa del forte emungimento. Si tratta di acqua di sorgente, e quindi un bene di tutti che cercheremo di difendere partendo dalle verifiche delle concessioni attraverso accessi agli atti già depositati! Denunciamo a tal proposito la conseguente moria di pesci nella zona di Cannavota, e presto, se l’Amministrazione non interverrà, succederà anche nella pozza di acqua rimasta tra i due ponti nel Parco della Rimembranza! Chiediamo quindi all’Amministrazione azioni celeri per ripristinare l’apporto di acqua da monte, incrementando il flusso della Gora delle Ferriere.

Continua a leggere… 

L’AMMINISTRAZIONE BENINI OFFENDE L’INTELLIGENZA DEI CITTADINI.

29 giugno 2017 at 21:56

19433825_1495753463778336_645385443_nL’Amministrazione Benini nella risposta all’interrogazione del Movimento relativamente all’assunzione presso la Proloco del figlio del Funzionario Responsabile proprio dei rapporti con la Proloco, offende l’intelligenza dei cittadini!

Risponde con affermazioni assurde che non trovano riscontro con le norme dell’Anticorruzione che vengono “piegate” da un atteggiamento di benevolenza verso dipendenti comunali affiliati al Partito!

Alcuna sanzione subirà il dipendente, perché, secondo anche il Responsabile dell’Anticorruzione, “le modalità e il breve lasso di tempo in cui si sono svolti i fatti non sono tali da sanzionarlo”.

Nessuno in Comune, nemmeno il “Babbo” sapeva dell’intenzione della proloco di assumere il figlio.

Semplicemente ASSURDO! ASSURDO da parte di questa Amministrazione pensare che tali affermazioni siano CREDIBILI!

Non risponde a verità nemmeno il fatto che il Dirigente si sia avocato gli atti, perché la determina di impegno di spesa e la relativa liquidazione sono stati seguiti dal medesimo Funzionario Responsabile dei rapporti con la Proloco, che ha espresso pure il parere di regolarità istruttoria (!), il cui figlio è stato assunto dalla Proloco!

Crediamo che in tutta Follonica ci sarebbero stati dei ragazzi con le medesime capacità del figlio del dipendente comunale, con la medesima dedizione e volontà di lavorare e magari con una famiglia alle spalle più bisognosa…magari figlio di lavoratori a casa a seguito della triste vicenda delle acciaierie o di altre ditte che hanno chiuso i battenti o di famiglie che comunque si trovano in difficoltà!

Questa Maggioranza invece di versare lacrime di coccodrillo davanti ai Sindacati e lavoratori, dovrebbe tenere un atteggiamento di doverosa correttezza e moralità e dare a tutti i follonichesi una possibilità di impiego.

Il PD e questa Maggioranza difende unicamente gli interessi di Partito e dei suoi affiliati, invece di difendere l’INTERESSE PUBBLICO ED IL BENE COMUNE!

E’ BENE CHE QUESTO SI SAPPIA, CHE I CITTADINI FOLLONICHESI LO SAPPIANO CHIRAMENTE ED IL MOVIMENTO E’ PRESENTE IN CONSIGLIO PER RENDERLO BEN EVIDENTE.

IL PD NON PUO’ PIU’ NASCONDERSI!

QUESTO NON E’ IL MODO DI FARE POLITICA DEL MOVIMENTO 5 STELLE.

LASCIAMO AL PD ED ALLA SUA COALIZIONE QUESTA TOTALE MANCANZA DI INTEGRITA’ E MORALITA’ NELL’AZIONE POLITICA E AMMINSTRATIVA.