GRAZIE AL M5S FOLLONICA DICE NO AI CIRCHI CON ANIMALI ESOTICI

circoUn importante traguardo per il rispetto degli animali e della pubblica incolumità è stato raggiunto nell’ultimo Consiglio a Follonica. Su tutto il territorio comunale sono stati banditi i circhi che esibiscono gli animali di quelle specie che le linee guida CITES prevede non compatibili con gli spettacoli viaggianti.

E’ stata difatti approvata la proposta del Movimento 5 Stelle di modifica del Regolamento sugli spettacoli viaggianti nella parte che disciplina i circhi equestri, e che, recependo le citate linee guida CITES e le disposizioni del Regolamento-tipo sulla tutela animali dell’Anci, garantisce agli animali, che sono ancora costretti d esibirsi, condizioni di detenzione più favorevoli e tutela l’incolumità pubblica.

Leoni, elefanti, giraffe ma anche orsi, foche, rapaci e rettili sono potenzialmente pericolosi in queste strutture e la loro detenzione ed esibizione si risolvono in vere e proprie torture, umiliazioni e maltrattamenti, inoltre la sensibilità dei cittadini verso le condizioni di questi animali è aumentata e sempre più persone rifiutano questo tipo di spettacolo.

Il Consiglio Comunale di Follonica ha lanciato un segnale forte e sempre più Comuni adottano regolamentazioni che scoraggiano l’impiego di animali nei circhi.

Auspichiamo che altri Comuni della provincia grossetana, della Regione Toscana e dell’intera nazione seguano l’esempio di Follonica, ma occorre fare ancora di più.

Il passo successivo è l’abolizione dei finanziamenti pubblici ai circhi che impieghino animali di qualsiasi specie nei loro spettacoli.

La nostra Portavoce alla Camera dei Deputati del Movimento, Chiara Gagnarli, ha presentato una proposta di legge che purtroppo il Parlamento non ha mai calendarizzato e giace nei cassetti da ottobre 2013.




PROPOSTE 5 STELLE IN CONSIGLIO COMUNALE

consiglio

Quello del prossimo 29 aprile ’16 sarà un consiglio comunale all’insegna del Movimento 5 Stelle, molti dei punti all’ordine del giorno riguardano infatti il frutto del lavoro svolto da tutto il gruppo penta-stellato follonichese.

Continua a leggere…

Al punto 11 troviamo la nostra proposta di modifica degli articoli 13/14/15 del regolamento spettacoli viaggianti concernenti l’attendamento dei Circhi. La proposta depositata a gennaio 2016 finalmente arriva in discussione al consiglio comunale. Proposta che, ispirata ai criteri delle linee guida del CITES (comitato scientifico del Ministero dell’ambiente) e del regolamento ANCI, va a disciplinare in modo più stringente le modalità con cui i circhi possono esibirsi sul territorio comunale follonichese. I grandi felini, gli elefanti, le giraffe, i delfini, i primati e altre specie esotiche, se la proposta venisse approvata dalla maggioranza del Consiglio Comunale, non potrebbero essere più utilizzati negli spettacoli dei circhi nel comune di Follonica.

Al punto 13 è stata inserita una mozione sulla messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali di via Massetana, compresi tra il sottopasso ed il bivio di Rondelli. Una mozione che va a rafforzare le richieste dei residenti che negli ultimi mesi si erano attivati per sensibilizzare l’amministrazione su tale disagio.

Al punto 14 una mozione di più ampio interesse, quella sulle riforme costituzionali, con la quale chiediamo all’attuale maggioranza di programmare uno o più consigli comunali aperti per discutere, informare e approfondire i temi costituzionali che saranno oggetto dei referendum in programma nel prossimo autunno.

UN CITTADINO INFORMATO E’ UN CITTADINO CONSAPEVOLE.

Al punto 3 invece sono state inserite due risposte relative ad altrettante interrogazioni presentate dal nostro gruppo consigliare, una sugli ultimi interventi di potatura eseguiti sul patrimonio arboreo cittadino, l’altra su una delle anomalie tecniche riscontrate nell’allestimento del palcoscenico del Teatro Fonderia Leopolda.

Tutto il materiale che è stato inserito all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, come del resto tutti i documenti originali della nostra attività

Quello del prossimo 29 aprile ’16 sarà un consiglio comunale all’insegna del Movimento 5 Stelle, molti dei punti all’ordine del giorno riguardano infatti il frutto del lavoro svolto da tutto il gruppo penta-stellato follonichese.

Al punto 11 troviamo la nostra proposta di modifica degli articoli 13/14/15 del regolamento spettacoli viaggianti concernenti l’attendamento dei Circhi. La proposta depositata a gennaio 2016 finalmente arriva in discussione al consiglio comunale. Proposta che, ispirata ai criteri delle linee guida del CITES (comitato scientifico del Ministero dell’ambiente) e del regolamento ANCI, va a disciplinare in modo più stringente le modalità con cui i circhi possono esibirsi sul territorio comunale follonichese. I grandi felini, gli elefanti, le giraffe, i delfini, i primati e altre specie esotiche, se la proposta venisse approvata dalla maggioranza del Consiglio Comunale, non potrebbero essere più utilizzati negli spettacoli dei circhi nel comune di Follonica.

Al punto 13 è stata inserita una mozione sulla messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali di via Massetana, compresi tra il sottopasso ed il bivio di Rondelli. Una mozione che va a rafforzare le richieste dei residenti che negli ultimi mesi si erano attivati per sensibilizzare l’amministrazione su tale disagio.

Al punto 14 una mozione di più ampio interesse, quella sulle riforme costituzionali, con la quale chiediamo all’attuale maggioranza di programmare uno o più consigli comunali aperti per discutere, informare e approfondire i temi costituzionali che saranno oggetto dei referendum in programma nel prossimo autunno.

UN CITTADINO INFORMATO E’ UN CITTADINO CONSAPEVOLE.

Al punto 3 invece sono state inserite due risposte relative ad altrettante interrogazioni presentate dal nostro gruppo consigliare, una sugli ultimi interventi di potatura eseguiti sul patrimonio arboreo cittadino, l’altra su una delle anomalie tecniche riscontrate nell’allestimento del palcoscenico del Teatro Fonderia Leopolda.

Tutto il materiale che è stato inserito all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, come del resto tutti i documenti originali della nostra attività, lo troverete nella sezione attività consiliare.

 




BANDO DEL VERDE PUBBLICO... SEMPRE PIU' NEL CAOS

verde-pubblicoContinua un’altra di quelle tante storie poco chiare di cui il Palazzo Comunale Follonichese è costellato. Dopo l’Ippodromo, il Calcio, il Canile abusivo, quella del cosiddetto bandone del verde sembra destinata ad aggiungersi alle vicende meno gratificanti della nostra città. Una scelta quella del maxi-bando, che secondo l’Amministrazione, l’assessore Pecorini ed il Sindaco doveva semplificare la manutenzione del verde pubblico di Follonica, di fatto la complica ancor prima di cominciare.

Continua a leggere…

 

La sentenza del TAR, a seguito del ricorso presentato dalla ditta Albiati esclusa dalla gara, di fatto la riammette facendo ricadere l’intero iter nel pieno caos, prorogando ancora l’aggiudicazione e quindi il servizio per un tempo indefinito. L’esclusione della ditta Albiati alla fase successiva della gara relativa all’offerta economica, veniva motivata dall’amministrazione comunale col fatto che la proposta migliorativa avanzata dalla ditta risultava irragionevole e sproporzionata rispetto al patrimonio del verde pubblico oggetto del bando. Le proposte migliorative riguardanti potature, abbattimenti e controlli di stabilità erano ammesse nel bando e secondo la società proporzionate al patrimonio arboreo cittadino, quantificato intorno alle 8000 piante. L’altra contestazione che viene avanzata è la scomparsa, dalla prima versione del bando pubblicato in gazzetta ufficiale il 10/11/2015, di un requisito tecnico, quello dell’iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali per il trasporto dei rifiuti urbani categoria 1. In mancanza di tale requisito comunque i rifiuti urbani rinvenuti durante le operazioni di manutenzioni del verde devono essere raccolti e trasportati ai centri di smaltimento, servizio che ipoteticamente verrà svolto da un terzo soggetto e presumibilmente con ulteriori costi per i cittadini.

I follonichesi si ritroveranno a convivere per altri mesi ancora con una manutenzione delle aree verdi e dei parchi approssimativa, continuando ad affidare il servizio con aggiudicazioni provvisorie spendendo altri € 100.00,00, tale è l’importo previsto nell’ultima procedura di scelta del contraente fatta a marzo 2016, che vede come aggiudicatario la Green Service. Da considerare Inoltre, le spese legali per la difesa dell’Amministrazione dall’attuale ricorso, ammontano a circa € 9.000,00.

TUTTO QUESTO POTEVA ESSERE EVITATO? Il dubbio sorge spontaneo.

Forse con più trasparenza, forse con qualche presunta carenza tecnica in meno e un pò più di buon senso, fulcro della nostra proposta di mesi or sono rimasta inascoltata, tutto questo caos poteva essere evitato. Una proposta in cui si prevedeva di dividere Follonica in 4/5 lotti e per ciascun lotto un apposito bando.

Alla luce dei fatti crediamo doverosa la convocazione della 3° commissione consiliare (LLPP) per chiarire ogni aspetto della vicenda, commissione richiesta a novembre 2015 e a cui il sindaco non si è mai detto pubblicamente contrario.




VOTARE ! VOTARE! VOTARE!....MAGARI CON UN SI

Logo_fermaletrivelle04bis-2Il Movimento 5 Stelle di Follonica, come prima istanza raccomanda i concittadini ad andare a votare per il Referendum del 17 Aprile citando Milena Gabbanelli: “il 17/04 al referendum votate quel che volete ma andateci. Un popolo evoluto, interpellato, risponde“. Però come Movimento abbiamo anche una nostra visione su come vorremmo fosse trattato l’ambiente e il tema dell’energia. Riteniamo folle che nel 2016 l’Italia investa il suo futuro energetico sui combustibili fossili, anche perché come Paese membro abbiamo aderito alla Conferenza sul Clima di Parigi, ove ci siamo impegnati a diminuire le immissioni nell’aria di anidride carbonica. Tuttavia vorremmo che il Governo sbloccasse gli investimenti sulle energie rinnovabili, che riteniamo siano il futuro energetico su cui investire.  Il nostro sarà un Sì convinto soprattutto per preservare il nostro territorio ed i suoi bellissimi paesaggi. A tal proposito Peppino Impastato, ci regalò questo insegnamento: “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.”




CALCIO: E’ TUTTO A POSTO?

calcioIn merito all’articolo uscito in questi giorni dell’Usd Calcio Follonica, prendiamo atto dell’enorme debito dichiarato dal legale della società, ma ci riserviamo di dare opinioni non avendo la possibilità di visionare la documentazione corrispondente.  Vedremo se i soggetti chiamati in causa dall’attuale dirigenza, sul debito pregresso, concordano quanto uscito sulla stampa oppure interverranno per ulteriori chiarimenti. Da parte nostra alcune precisazioni sono doverose. Dire, come si è letto nell’articolo, che abbiamo agito “alla ricerca di consenso per le prossime elezioni” non rende giustizia al profondo senso civico che orgogliosamente contraddistingue la politica del M5S sia a livello nazionale, regionale e locale senza che tutto questo abbia come fine una manciata di voti in più. Lo dimostrano infatti i sopralluoghi fatti all’Ippodromo dei Pini, alla Cava di Montioni, ed ultimo al Canile del Martellino, segno tangibile che il controllo del territorio è prerogativa imprescindibile della nostra politica che, se vogliamo dirla tutta, va a toccare spesso interessi per i quali le persone coinvolte faranno a meno di votarci come rappresentanti nelle istituzioni.  Fa sorridere che la società si vanti di avere il bilancio in pareggio al cospetto di due impianti in gestione resi fatiscenti per mancanza di manutenzione. Prova provata di quello che diciamo sono i tredici punti di prescrizione dati dall’ASL alla società in merito al nostro esposto e conseguente sopralluogo dello stesso ente di controllo. Questo è quanto è stato riscontrato sull’Impianto del Capannino “A. Nicoletti” migliorato solo in parte dopo gli interventi di manutenzione prescritti, mentre l’impianto di via Albatro stadio “Baldaccheri” è stato interdetto l’accesso agli spogliatoi, dichiarati dal Comune struttura non idonea, il quale ha richiamato la società anche a ripristinare le recinzioni del campo ormai cadenti. Il resto lo lasciamo giudicare ai genitori dei bambini iscritti alla scuola calcio e a tutti i cittadini follonichesi, che certo ciechi non sono! Riteniamo ancora troppo timida l’azione svolta dall’Amministrazione nei confronti della società che gestisce gli impianti, d’altro canto è difficile chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati!




CANILE ABUSIVO MARTELLINO: L’“OPERAZIONE FIATO SUL COLLO” CONTINUA

Cane al MartellinoLa vicenda del canile abusivo del Martellino è l’esempio classico di come un’azione congiunta di cittadini, che hanno denunciato il fatto, e la ferma opposizione di una forza di minoranza all’interno delle istituzioni locali può mettere alle strette un’Amministrazione impedendole di sottrarsi alle proprie responsabilità.

Una situazione, quella del canile abusivo del Martellino, incancrenita e che dopo 15 anni vede ritornare un’area protetta nella disponibilità del Parco di Montioni che la ospita. Fin da quando è entrato in Comune il Movimento 5 Stelle ha voluto vederci chiaro presentando richieste di accesso agli atti, un’interrogazione al Sindaco e opponendosi in modo fermo nelle Commissioni e in Consiglio Comunale, al fine di ristabilire la legalità senza tralasciare il rispetto delle norme in materia di tutela degli animali. La denuncia di alcuni cittadini follonichesi ha posto l’attenzione sulle condizioni di detenzione degli animali in quel canile lager e  l’intervento, del nostro Portavoce nel Parlamento italiano, Paolo Bernini, insieme all’associazione EITAL, alla Compagnia dei Carabinieri e con la presenza dei veterinari della locale ASL hanno determinato una pressione sull’Amministrazione inerte che ha iniziato ad emanare le prime ordinanze dirigenziali di sgombero.

Continua a leggere…

La vicenda tuttavia non è ancora conclusa.  La nostra “Operazione fiato sul collo” continua, per verificare che il Comune di Follonica, come promesso, si accerti del benessere dei cani che erano detenuti presso la struttura abusiva e che le spese sostenute per la bonifica siano debitamente richieste a chi, per anni, ha usufruito dell’area non avendone più titolo, come confermato dal Sindaco nella risposta alla nostra interrogazione.

Evidenziamo inoltre che nella cifra di ben € 700.000,00, sostenuta per la realizzazione del nuovo canile comprensoriale de La Botte, non vi sono stati compresi i costi, stimati dall’Amministrazione in circa € 60.000,00, per bonificare l’area del vecchio canile pubblico; altri soldi pubblici sprecati per una scelta scellerata.

Allo stato dei fatti inoltre risulta pertanto superata la realizzazione del Canile eufemisticamente definito dalla Maggioranza “Sociale” (in sostituzione di quello abusivo) a cui il Movimento si è sempre opposto non ravvisandone alcune utilità “sociale”, e poiché convinti che non deve essere un’Amministrazione a risolvere una situazione, quella dei possessori di decine di cani,  che deve invece trovare soluzione unicamente a livello personale e privato.

Vigileremo affinché l’Amministrazione attui un’azione imparziale, sollecita, senza spreco di denaro pubblico e rispettosa della tutela degli animali.




SICUREZZA PEDONALE VIA MASSETANA

20160305_121448

Attraversamento via Massetana

Il M5S di Follonica ha protocollato in questi giorni una mozione riguardante un tema molto sentito dai cittadini follonichesi sulla sicurezza stradale ed in particolare dai residenti di Via Massetana. Nel tempo, tale strada è stata scenario di gravissimi incidenti con coinvolgimento di persone (pedoni e ciclisti) e animali. Questo ha spinto i residenti nelle aree limitrofe Via Massetana a mobilitarsi per una raccolta firme, in parte già depositata in Comune, per sollecitare l’Amministrazione al fine di porre rimedio in tempi brevi al problema; raccolta firme suggerita dagli amministratori stessi!
Il tratto più pericoloso di Via Massetana risulta quello compreso tra la rotonda del supermercato Pam e la rotonda di accesso ai quartieri San Luigi/Corti Nuove, dove la segnaletica orizzontale necessita di manutenzione poiché non più visibile. La velocità sostenuta dei veicoli che vi transitano e l’assenza di marciapiedi in alcuni tratti rende ancor più pericolosa la circolazione pedonale. Nella mozione depositata abbiamo cercato di dare alcuni suggerimenti di buon senso all’Amministrazione proponendo:
– il rifacimento in tempi brevi della segnaletica orizzontale nel suddetto tratto compreso della Via tra il Bivio di Rondelli ed il sottopasso, ricorrendo eventualmente agli operai dell’ente rispettando il criterio di economicità dell’azione amministrativa;
– individuare gli attraversamenti più critici e dotarli di segnaletica luminosa ad energia solare, dispositivi di facile e veloce posizionamento a terra.
– nel medio termine verificare la fattibilità di realizzare uno o due attraversamenti pedonali rialzati;
– in ultimo chiediamo di verificare la possibilità di realizzare un marciapiede sul lato sinistro direzione Rondelli, o comunque garantire un’area di pertinenza tra gli edifici e la strada anche in previsione del prossimo recupero edilizio dell’ex Sugherificio.
L’Amministrazione ha l’obbligo ineludibile di garantire la sicurezza delle strade e deve impostare la propria azione in modo tale da eliminare o contenere i pericoli ed agire prontamente.




FOLLONICA IN AUTOGESTIONE CON L’AMMINISTRAZIONE PD

20160402_162216La scorsa estate sono spuntati in località Martellino due segnali stradali di divieto di accesso che riportavano la dicitura “Strada privata solo autorizzati”. La strada in questione, che parte dall’incrocio in prossimità del vecchio canile comunale e finisce alla congiunzione con la strada che porta al Castello di Valli, è sempre stata una strada di libero accesso fino all’estate 2015. Utilizzata da tanti cittadini che la percorrono a piedi e in bicicletta, una strada a disposizione di tutti per poter godere della campagna e del panorama che si staglia sulla città e sul golfo di Follonica. Il Movimento 5 Stelle ha voluto verificare la proprietà della strada per capire meglio i motivi e la legittimità di questa neo segnaletica rurale inviando una richiesta di accesso agli atti nell’agosto 2015. Dagli uffici competenti con velocità e collaborazione abbiamo avuto la risposta che la strada in questione è una strada parte privata e parte del demanio. La domanda successiva che abbiamo rivolto era quella di sapere se l’apposizione della cartellonistica risultava regolare e legittima in virtù della proprietà mista della strada sulla quale veniva apposta. Ci sono voluti dei mesi per farsi mettere nero su bianco che i cartelli in questione non sono regolari, per un disguido, il documento datato 03/08/2015 ci è arrivato solo pochi giorni orsono. Tale documento ufficiale dell’ufficio urbanistica recita testualmente “In ogni caso vista tale situazione e fatto salvo la presentazione di eventuali documenti non noti al momento, l’apposizione di cartelli di circolazione stradale (divieto di accesso) con la dicitura “proprietà privata” posti in riferimento all’intero percorso esaminato, anche in carenza di uno specifico accertamento circa l’eventuale uso pubblico dello stesso, qualora volti a rendere inaccessibile tale percorso risultano, a nostro avviso, non regolari in quanto, a prescindere che tale percorso coincida o affianchi le particelle intestate al Demanio Pubblico dello Stato, di fatto rendono tali aree irraggiungibili dalla pubblica via”. Ora aspettiamo fiduciosi che chi di competenza intervenga per la rimozione dei cartelli con la speranza che non si tratti di altri sei mesi di attesa.




PROGRAMMAZIONE E PROGETTUALITA’ CARATTERISTICHE SCONOSCIUTE ALLA GIUNTA FOLLONICHESE

Central Parking

Il “Central Parking” – così lo chiamavamo in tempi non sospetti   – è stato inaugurato.

Polemiche a parte, la struttura c’è e ormai circa 9 milioni di soldi pubblici sono stati spesi. Ora ci aspettiamo da questa Amministrazione un’efficiente e puntuale progettualità futura nonché un’infallibile programmazione dell’utilizzo dell’intera area.

Per questo motivo il Movimento 5 Stelle ha depositato in data 21.01.2016 un’interrogazione al Sindaco Benini per capire se l’attuale Amministrazione abbia le idee chiare su come valorizzare e utilizzare l’intero complesso dell’Ex-Ippodromo. Nello specifico chiedevamo quando era previsto il trasferimento del mercato settimanale, se e quando era possibile svolgere eventi musicali o altro nell’Arena Spettacoli e in ultimo se l’Area Mercatale poteva essere usata anche come area per eventi fieristici o simili all’aperto, naturalmente escluso il venerdì quando la stessa è occupata dal mercato settimanale. Altre erano le domande che venivano poste al sindaco (per esempio quando sarebbe stato inaugurato visti i continui rinvii), ma la tecnica di soprassedere nel rispondere all’opposizione, spesso adottata da questa amministrazione, è risultata chiarificatrice.

Continua a leggere…

Evidenziamo che se vogliamo dare all’area una parvenza di parco e una logica collocazione nel contesto cittadino è indispensabile che questa sia collegata con ponte pedo-ciclabile all’adiacente Parco in Via della Pace, nonché sia dotato il Parco della Rimembranza degli stessi arredi del “Parco Centrale”, interventi che darebbero la necessaria continuità e collegamento tra le due zone . L’intero sistema dell’Area Parco Centrale presenta inoltre altre carenze come ad esempio l’assenza di una fontana di acqua potabile, di una pensilina per la fermata degli autobus in via Massetana, degli intrattenimenti per i giovani, delle aree dove musicisti si possano esibire liberamente nella zona verde del Parco della Rimembranza e un caffè culturale sotto il fresco degli alberi adiacente la Biblioteca Comunale. Essenziale risulta concepire l’intera area come fulcro di una visione completa della mobilità sostenibile con postazioni di bike-sharing e collegamenti con le altre zone cittadine attraverso navette elettriche.

Ci sorprende che al Sindaco non siano stati sufficienti oltre sessanta giorni per rispondere alle nostre domande, dopo quattro anni necessari alla realizzazione dell’area e mesi per l’inaugurazione, forse ancora non vi sono idee chiare, progetti e programmi. Ci aspettavamo che al taglio del nastro venisse comunicata anche la stagione dell’Arena Spettacoli dato che siamo alle porte della stagione balneare.

Ci auguriamo comunque che il motivo non sia dovuto all’inadeguatezza dell’arena ad ospitare eventi artistici ma solo scarsa lungimiranza e disorganizzazione.




LA SICUREZZA DEI PEDONI PRIORITA’ PER IL M5S

Siamo tutti pedoniIl Movimento 5 Stelle di Follonica, alcuni giorni fa, ha ricevuto segnalazioni da alcuni cittadini residenti di Via Massetana in merito alla pericolosità della strada specialmente per i pedoni.
La situazione più critica risulta essere il tratto tra la rotonda del Centro Commerciale Pam e la rotonda del quartiere Corti Nuove/San Luigi, un tratto di strada che a causa di assenza di marciapiede nel lato sinistro in direzione Follonica, di attraversamenti pedonali scarsamente segnalati e dell’alta velocità degli autoveicoli fanno diventare un’azione pericolosa l’attraversamento pedonale della via, difatti tale via è stata teatro di incidenti gravi che hanno visto coinvolte persone e animali d’affezione.
I cittadini promotori delle segnalazioni si sono attivati, come suggerito dagli amministratori, per avviare una raccolta firme e hanno incontrato il primo cittadino, che pare abbia subordinato la sicurezza delle persone al difficile reperimento di poche migliaia di euro.

Continua a leggere…


Il Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle, a seguito delle segnalazioni, ha richiesto telefonicamente chiarimenti all’assessore Giorgieri (mobilità) e Pecorini (Lavori Pubblici), sollecitando interventi tempestivi.
Ricordiamo ai nostri amministratori che la sicurezza stradale e la tutela dell’integrità fisica della persona non sono interessi comprimibili in ragione della limitatezza delle risorse finanziarie dell’Ente.
L’ente locale ha l’obbligo ineludibile di garantire la sicurezza delle strade e deve impostare la propria azione amministrativa in modo tale da eliminare o da contenere pericoli, utilizzando le risorse a ciò destinate per legge derivanti dagli introiti delle sanzioni pecuniarie per violazione delle norme della circolazione stradale, ma anche da risorse straordinarie individuate ad hoc mediante economie di bilancio e compressione di altre spese correnti non necessarie.
Chiediamo pertanto nell’immediato un intervento semplice e urgente, cioè quello di procedere al rifacimento della segnaletica orizzontale e di reperire nel bilancio dell’ente poche migliaia di euro per la realizzazione di almeno due attraversamenti pedonali rialzati ed adeguatamente illuminati, per garantire l’incolumità dei cittadini follonichesi.
Ci domandiamo infine come nella zona, Casetta Pecorai, di recente urbanizzazione l’Amministrazione non abbia previsto la realizzazione di marciapiedi lungo via Massetana, consentendo invece la costruzione degli edifici fino a lambire la strada senza lasciare uno spazio di pertinenza sufficiente da destinare ai passaggi pedonali. Ricordiamo inoltre che la zona sopra citata sarà soggetta ad ulteriore espansione urbanistica incrementando così il traffico veicolare e pedonale.