MOZIONE M5S “FOLLONICA PLASTIC FREE CHALLENGE”

plastic-free-2Il Movimento 5 Stelle con una mozione intende far diventare il Comune di Follonica un Comune libero dalle plastiche usa e getta aderendo così all’iniziativa lanciata dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa “PLASTIC FREE CHALLENGE”. Anche un piccolo Comune come Follonica può contrastare l’uso spropositato dell’utilizzo e del non corretto conferimento come le plastiche usa e getta: bottiglie, posate, piatti e imballaggi vari. L’Amministrazione comunale deve dare per prima il buono esempio riducendo drasticamente l’utilizzo della plastica negli edifici pubblici adottando alcune azioni come ad esempio la sostituzione dell’attuale sistema di distributori di acqua in bottiglie di plastica, l’introduzione di macchine del caffè con cialde compostabili, nonché provvedere all’istallazione di eco-compattatori in punti strategici della città, all’istallazione di distributori di latte ed altri alimenti alla spina ed infine a bandire dalle sagre, ristoranti e attività ricettive tutto il materiale uso e getta.

Ogni anno ci sono circa 8 milioni di tonnellate di plastica che finiscono in mare, lo stesso mare a cui Follonica deve tutta la sua fortuna e per questo indispensabile da difendere e preservare. La gravità del fenomeno della plastica in mare sta nel tempo di decomposizione di tale materiale previsto in 15 anni per una bottiglia e addirittura un secolo per posate e accendini. L’Amministrazione Comunale deve rispondere all’appello contro la plastica come sta facendo l’Unione Europa in procinto di abolire gli oggetti in plastica monouso come cotton fioc, bicchieri o piatti di plastica. Greenpeace che ha lanciato dal primo giugno 2018 il Plastic Radar un servizio per segnalare la presenza di rifiuti in mare utilizzando via Whatsapp il numero +39 3423711267 ed infine imitare il Ministro Costa che attraverso la campagna #IoSonoAmbiente si è impegnato a rendere il suo dicastero “Plastic Free” entro il prossimo 04 ottobre.

E’ tempo di passare ai fatti.




GIUNTA BENINI INADEMPIENTE VERSO LA TUTELA ANIMALI

CANILE MARTELLINOChe fine hanno fatto i cani ospitati nel canile abusivo del Martellino? Dove sono stati riallocati? Qual è il loro stato di salute? Quanti di questi sono deceduti successivamente al trasferimento?

Domande alle quali ancora l’Amministrazione Comunale e, per alcuni aspetti, anche l’Asl Veterinaria non rispondono. Domande che sono state rivolte con una richiesta di accesso agli atti a luglio 2016 e rinnovate con un’interrogazione a novembre 2017. SILENZIO ASSOLUTO!!

Ci sono voluti 15 anni prima che una struttura abusiva e fatiscente, tollerata da tre amministrazioni PD, all’interno di un parco, fosse smantellata. Solo grazie all’ingresso in Consiglio Comunale del Movimento 5 Stelle, una forza politica di opposizione assolutamente libera  da legaccioli, alle richieste di accesso agli atti, alle interrogazioni, ad un esposto in Procura, alla sollecitazione di privati cittadini e in ultimo alla visita a sorpresa di un portavoce pentastellato in parlamento  è stato possibile, nel giro di pochi mesi, far liberare l’area da un abuso che deteneva decine di cani in condizioni precarie.

Continua a leggere…

Successivamente allo smantellamento del canile abusivo, il pensiero è andato al benessere degli animali per i quali chiedevamo l’accoglienza presso il canile comprensoriale de La Botte di Scarlino, in attesa di capire se i rispettivi proprietari fossero in grado di ricoverarli in situazioni idonee. Questa richiesta non fu accolta ma l’Assessore alla tutela animali si impegnò pubblicamente, anche durante una seduta del Forum Ambiente, a vigilare a che il benessere dei cani trasferiti fosse garantito cosi come le rispettive sistemazioni fossero risultate idonee.

Stiamo attendendo notizie da 131 giorni: la nostra ultima interrogazione risale al 13-11-2017 e, per regolamento, la risposta doveva essere data entro 30 gg dalla data di presentazione (art.29 regolamento consiglio comunale, comma 5).

Come sempre il PD, asseverato al consenso elettorale, dimentica di tutelare i più deboli, gli animali, tollerando per decenni che i cani venissero mantenuti in strutture fatiscenti e abusive, l’Assessore Giorgieri ha mancato nel vigilare e garantire il benessere e forse la vita di questi poveri animali. Ha anche “dimenticato” di approvare un nuovo regolamento per la tutela degli animali. È arrivato il momento di indirizzare l’azione ammnistrativa verso il BENE COLLETTIVO, la tutela delle persone, degli animali, dell’ambiente e non governare per interessi di pochi e garantirsi la poltrona da Sindaco.




UN PARCHEGGIO PER LA PISCINA COMUNALE

parcheggio-piscina-pozzangheraIl parcheggio della Piscina Comunale, da sempre senza un manto stradale adeguato e di una parziale illuminazione, è molto spesso impraticabile e pericoloso. Risulta anche indecoroso soprattutto nel periodo invernale proprio quando la struttura è nel pieno della propria attività e quindi molto frequentata. Un’immagine poco gratificante non solo della struttura sportiva ma dell’intera città.

Dal 2007, anno in cui la struttura sportiva è stata recuperata, incredibilmente, il parcheggio non è stato oggetto di attenzioni particolari e nemmeno la convenzione con cui la piscina è data in concessione al nuovo soggetto gestore ha previsto la sistemazione del relativo parcheggio.

La Piscina Comunale risulta essere una delle vetrine della città in quanto si tengono anche meeting di carattere nazionale ospitando centinaia di atleti e familiari degli stessi provenienti da altre regioni d’Italia. Un importante attrattore per Follonica, frequentato da associati e non, da nuotatori professionisti, dilettanti e amatoriali, da appassionati in genere, da persone con difficoltà temporanea di mobilità che necessitano di riabilitazione, da persone disabili, da bambini e tanti cittadini.

Per questi motivi il Movimento 5 Stelle di Follonica ha presentato, in data 15 marzo 2018, una mozione impegnando la Giunta e il Sindaco Andrea Benini affinché la Piscina Comunale sia dotata di un parcheggio decoroso, adeguato e soprattutto non pericoloso.

Per questo chiediamo con urgenza la realizzazione di un parcheggio, regolarmente asfaltato completo dei relativi sotto servizi e di un adeguato impianto di illuminazione pubblica secondo le modalità che l’Amministrazione riterrà più opportuna, o in alternativa al fine di contenere i costi, la realizzazione di un parcheggio con autobloccanti drenanti che eviterebbe di realizzare una parte dei sotto servizi come ad esempio la regimazione delle acque piovane.

La Giunta Benini non bada a spese quando si tratta di investire nell’intrattenimento o negli eventi, quindi nell’”apparire” è molto solerte mentre è completamente assente e disdegna gli investimenti per salvaguardare l’incolumità dei cittadini come ad esempio trovare risorse per asfaltare un parcheggio frequentatissimo, intervenire massicciamente in una seria manutenzione stradale, offrire servizi pubblici essenziali e decoro urbano anziché pensare solo ad intrattenere ed avere puerile visibilità.




POTERE AL POPOLO…IN SALSA RADICAL CHIC

radical-chicIl Movimento 5 Stelle di Follonica invita il candidato alla Camera dei Deputati per Potere al Popolo, Massimo Cini, a riascoltare l’intervento del consigliere Gianfaldoni, non travisandone i contenuti.

Potere al Popolo, offuscato probabilmente dall’impellente necessità di capitalizzare consenso elettorale, accusa il Movimento di essere contro l’associazionismo e non vede la gravissima carenza del Comune di Follonica nella vicenda del Teatro Off.

Il Sindaco Benini, e la sua Amministrazione, ai fini del rilascio delle prescritte autorizzazioni DI COMPETENZA DELLA STESSA AMMINISTRAZIONE, avrebbe dovuto verificare PRIMA la situazione normativa dello stabile, e non a posteriori. Avallare la scelta politica di finanziare e patrocinare il Teatro off, senza prima aver fatto le doverose e rigorose verifiche di competenza dell’Amministrazione, come ad oggi sembra essere avvenuto, la definiamo eufemisticamente una grave “confusione” politica con conseguenze tecnico-amministrative altrettanto gravi.

Nessun tecnico comunale ha verificato le autorizzazioni, abilitazioni, agibilità dei locali del Teatro Off, quando il cartellone della stagione teatrale campeggiava in via Roma affianco di quello del Comune? E soprattutto … Perché questi tecnici non si sono attivati? Com’è possibile che l’amministrazione comunale abbia dato un contributo senza essere a conoscenza, come sembra, dell’assenza delle autorizzazioni? E se presso quei locali durante uno spettacolo teatrale fosse successo qualcosa? Dobbiamo forse aspettare che si verifichi una tragedia per intervenire? Perché tutta questa vicenda è passata sotto silenzio e se ne è parlato solo dopo l’interrogazione del Movimento 5 Stelle?

Queste sono le serie riflessioni che una forza politica responsabile dovrebbe fare!

Continua a leggere…

Invece Potere al Popolo fa l’eco all’Assessore Catalani con la solita solfa che il Movimento è contro l’associazionismo, che affermiamo “con la cultura non si mangia”, mentre loro sono i paladini di fare cultura per “elevare moralmente gli esseri umani”.

L’intervento del Consigliere Giafaldoni è stato invece incentrato sul plauso della professionalità della Compagnia del Teatro Off e sul valorizzare la pluralità dell’offerta culturale. Per questo proponiamo che i locali del Teatro della Fonderia siano messi a disposizione delle associazioni culturali – tutte – per lo svolgimento di spettacoli teatrali, compatibilmente con la stagione teatrale comunale.

Il sostegno alle attività culturali e all’associazionismo in generale non si fa solo elargendo contributi, ma deve sostanziarsi in una politica che ne agevoli le attività, ne favorisca l’organizzazione, ne promuova l’operato.

Riteniamo doveroso superare il concetto dell’elargizione del denaro pubblico perché impossibile da attuare per TUTTE le associazioni ed in modo equanime.

È arrivato davvero il tempo di restituire il potere decisionale ai cittadini, non solo attraverso la delega del voto, ma attraverso strumenti partecipativi diretti. Cittadini che, per esempio, decidano ed incidano direttamente su come impiegare i soldi del bilancio della propria città. Decidere direttamente se vogliono una scritta su un muro ed un’insegna luminosa (che resta spenta) per “elevarsi culturalmente” o invece impiegare quei soldi per uno spettacolo, un’attività culturale o per co-finanziare l’abbassamento dell’Irpef.

Bisogna liberarsi dal preconcetto che il “popolo” sia un ignorante che vada istruito per elevarsi moralmente e culturalmente. I cittadini sanno più e meglio di certe sedicenti forze politiche cosa è meglio per il bene comune, hanno già una morale ben radicata, qualità che manca ai politici che ci hanno governato finora, e sanno già dove abbeverarsi per dissetarsi di cultura.

Non c’è bisogno di una forza politica che, dal piedistallo, rivendichi il potere da restituire al popolo ma che poi tratta il popolo come un gregge di pecore a cui dire cosa, come, dove andare e fare.




UN ALTRO CONSIGLIO COMUNALE A 5 STELLE

5-stelleTre Mozioni ed una Interrogazione del Movimento 5 Stelle tengono banco al Consiglio Comunale del 30/11/2017 a dimostrazione di una opposizione tanto di controllo quanto il più possibile costruttiva e propositiva. Con le tre mozioni il Movimento 5 Stelle impegna Sindaco e Giunta su tre argomenti diversi, riduzione rifiuti, messa in sicurezza della SP152 e Gora delle Ferriere. Nello specifico il gruppo pentastellato propone l’introduzione della pratica del “vuoto a rendere” prevedendo forme di incentivo economico quali la riduzione della tassa sui rifiuti per gli esercenti, i produttori e distributori, che aderiranno volontariamente all’iniziativa volta alla restituzione di specifiche tipologie di imballaggi con notevole riduzione dei rifiuti. Una proposta quest’ultima in perfetta sintonia e coerenza con il percorso intrapreso da questa Amministrazione con l’adesione al Patto dei Sindaci e all’adozione del PAES (Piano di adozione delle Energie Sostenibili). L’altra Mozione “Sicurezza Stradale SP152” verte invece sul garantire la sicurezza stradale nel tratto della vecchia Aurelia che costeggia la Zona Artigianale impegnando Sindaco e Giunta ad attivarsi presso la Provincia di Grosseto in quanto ente competente alla manutenzione della sp152, al fine di ottenere il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale rendendola più visibile anche nelle ore notturne e rendere più sicuri le uscite dalla Zona Artigianale soprattutto per quelle in cui vige l’obbligo di svoltare verso sud.

Continua a leggere…

La terza Mozione riguarda la Gora delle Ferriere già precedentemente depositata e successivamente ritirata su richiesta della maggioranza. La nuova versione è stata rivista e implementata sulla base di nuove considerazioni e ulteriori dati, impegnando la Giunta Benini ad intervenire presso la Regione Toscana al fine di rivedere le concessioni riducendo di fatto gli emungimenti soprattutto da parte dell’industria, per garantire un quantitativo minimo di acqua lungo tutto il percorso della Gora necessario al mantenimento dell’ecosistema ed in fine pensare ad un riutilizzo della risorsa idrica a favore della città di Follonica anche possibilmente per uso civile.

L’interrogazione inserita all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale verte invece sull’affidamento diretto alla UISP della gestione degli impianti di calcio della città. Un’interrogazione volta a conoscere i motivi per cui si è proceduto all’affidamento dopo aver visionato una sola proposta, quella della UISP quantificata in € 40.000 per una gestione di soli quattro mesi, chiedendo inoltre se tale servizio poteva essere garantito utilizzando risorse umane interne all’Ente con notevole risparmio di denaro pubblico.

Un Consiglio Comunale quello del 30 di novembre a forte impronta pentastellata, non è il primo e non sarà di certo l’ultimo.




EVENTI SPORTIVI PER CHI?

palagolfoNell’anno 2016 gli impianti in concessione alla Follonica Sport hanno ospitato una serie di eventi sportivi a carattere nazionale e regionale, che solo nel Palagolfo hanno contato la presenza di 9.480 atleti. Questo dato, sommato agli accompagnatori ed il pubblico presente, rappresenta una spinta economica per il nostro territorio molto importante che si colloca perfettamente come risposta alle richieste dell’Amministrazione, da inserite all’interno del Tavolo unico degli eventi. In virtu’ di questa premessa il gruppo consiliare del M5S ha presentato un’interrogazione nella quale si chiedeva all’Amministrazione e alla Follonica Sport, alcuni quesiti riguardo agli eventi sportivi da loro organizzati e la gestione dei flussi turistici generata. Inoltre si chiedeva lumi dell’esistenza di un protocollo d’intesa tra La Follonica Sport e le strutture recettive follonichesi, ed i contenuti del protocollo stesso.

Dalla nostra interrogazione sono passati circa sei mesi, e ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Il M5S si è sempre adoperato nell’azione di controllo della cosa pubblica, a maggior ragione quando le società di gestione o ASD come in questo caso ricevono soldi pubblici per gestire ed organizzare lo sport cittadino. Quindi vorremo capire il metodo usato per gestire i flussi turistici derivati dalle iniziative ed eventi sportivi, se esiste il protocollo che abbiamo menzionato sopra, e quali sono i contenuti di tale accordo. Crediamo che i principi di trasparenza e collaborazione tra la politica e tutti i soggetti chiamati a gestire delle risorse pubbliche siano alla base di una collaborazione finalizzata ad affrontare le problematiche organizzative e burocratiche. Invitiamo la Follonica Sport, e l’Amministrazione comunale a fornire a tutti i cittadini le risposte dovute.




ASSESSORE ALLA CULTURA……..ANCORA NON CI SIAMO!

musica1Il Movimento 5 Stelle di Follonica ritiene che l’Assessore alla Cultura Barbara Catalani non abbia chiare le responsabilità e le modalità di operare che il suo ruolo comporta.

Dopo aver concesso l’utilizzo della Pinacoteca a favore di un privato senza concessione e gratuitamente, l’Assessore continua a perseverare utilizzando l’Ente Pubblico per veicolare le iniziative solo di alcune associazioni operanti nel settore culturale e musicale di Follonica. Ad essere entrata nelle grazie dell’Assessore, questa volta, è stata la scuola privata “Spazio Arte”, per la cui nuova stagione l’Amministrazione Benini ha indetto apposita conferenza stampa tenutasi direttamente nel Palazzo Comunale. Riconosciamo a “Spazio Arte” meriti, valore e l’importanza del suo ruolo all’interno del panorama musicale follonichese, ma riteniamo che il sistema di lavorare e di rapportarsi dell’assessore Barbara Catalani con la comunità cittadina sia assolutamente inopportuno e inadeguato.

Si ricorda che l’azione della Pubblica Amministrazione deve essere imparziale.

A tal proposito il Gruppo Consiliare M5S ha provveduto a depositare un’interrogazione al Sindaco con la speranza che lo stesso si dissoci da questo modo di interagire con il mondo culturale follonichese al fine di non perseverare nel madornale errore di privilegiare alcune realtà a discapito di altre.

Ci aspettiamo quindi che l’Assessore Catalani promuova in altre conferenze stampa, TUTTE le realtà private e associazioni presenti sul territorio, al fine di presentare la variegata pluralità dell’offerta culturale, sociale e musicale affinché tale pluralità, a parità di meriti, cresca ogni giorno di più nella nostra città in nome di una leale competizione nonché collaborazione reciproca.




GESTIONE IMPIANTI CALCISTICI ALLA UISP

CalcioAnche nello sport la Giunta Benini non si smentisce, affidata direttamente la gestione provvisoria dei campi di calcio di Follonica ad un’associazione facente parte della grande famiglia del Partito Democratico, la UISP. Anche in questo caso si tratta di un servizio, nello specifico di guardiania, pulizia e tenuta campi, per un importo di poco inferiore ai 40.000 euro (€ 38.720). Una gestione provvisoria della durata di quattro mesi in previsione che l’Ente predisponga la gara pubblica per la gestione sportiva e degli impianti in maniera definitiva.

La scelta della UISP ci fu anticipata in occasione dell’ultima commissione consiliare sul Calcio, richiesta da una parte dell’opposizione per avere il punto della situazione a seguito della revoca della gestione degli impianti alla USD Follonica da parte dell’Amministrazione Comunale. In quella sede il Sindaco anticipò che la gestione provvisoria del calcio sarebbe ricaduta su un soggetto terzo quale la UISP.

Continua a leggere…

Sebbene il Movimento 5 Stelle fosse concorde sull’affidamento provvisorio ad un soggetto terzo, oggi possiamo affermare che l’associazione scelta sia tutt’altro che terzo, sia da un punto di vista calcistico sia da un punto di vista politico. E’ infatti noto che la stessa associazione, storicamente e legittimamente sia collocata pubblicamente a sinistra, molti dei suoi rappresentati siano diventati nel tempo e in tutta Italia candidati del Partito Democratico, affermando così di appartenere a quel grande mondo politico al cui interno troviamo banche, assicurazioni, aziende, cooperative e associazioni in tutti i settori socio-culturali compreso l’ambito sportivo.

A seguito dell’affidamento diretto alla UISP abbiamo presentato come Gruppo Consiliare M5S un’interrogazione per cercare di avere alcune risposte sui costi stimati visto tra l’altro che, anche in questo caso, la Giunta Benini ha richiesto  – e quindi si è basata su – un’unica proposta. Solo per il servizio di custodia, pulizia e allestimento impianti durante le manifestazioni, i due impianti costeranno mensilmente 10.000 euro, perché invece non ricorrere a risorse umane interne visto che nel tempo molti servizi in carico all’ente sono stati esternalizzati, come la manutenzione del verde? Per quanto riguarda invece la pulizia dei locali non poteva essere più economico ricorrere a ditte specializzate? Come è possibile che per quattro mesi i due impianti abbiano un costo di gestione tra pulizia, guardiania e utenze di circa 70.000 euro di poco inferiore al contributo annuale erogato al precedente gestore? Senza contare che manutenzione ordinaria e straordinaria sono a carico dei cittadini. Se i quattro mesi non saranno sufficienti per la predisposizione, pubblicazione e aggiudicazione del bando, la Giunta Benini a chi riaffiderà la gestione dei campi al fine di garantire l’attività sportiva fino al termine della stagione? E se si superasse la soglia dei 40.000 euro? In questo caso rapportando i costi su base annua si arriverebbe alla ipotetica e stratosferica cifra di circa 200.000 euro per la gestione di due impianti in aggiunta ai quali da considerare le spese da sostenere per l’adeguamento impiantistica in previsione del futuro bando per l’affidamento definitivo.

Potremmo dire che i follonichesi sono cascati dalla padella nella brace!!

 

 




SETTE INTERROGAZIONI IN 45 GIORNI

interrogazioniSette, tante sono le interrogazioni del Movimento 5 Stelle di Follonica rivolte al Sindaco Andrea Benini dalla seconda metà di aprile ad oggi. Interrogazioni scaturite dallo studio di dati e atti amministrativi che portano a fare importanti valutazioni politiche. Molti sono gli argomenti toccati dalle interrogazioni dopo esser passati sotto la lente di ingrandimento; Tributi Comunali, Follonica Summer Festival, Progetto Daily News, Spiaggia Fosso Cervia, Incarichi legali esterni, Accoglienza Turistico Sportiva e Controllo delle infestanti nei marciapiedi.

Al momento sono due le interrogazioni che hanno avuto risposte e che andranno in discussione nel prossimo Consiglio Comunale, Tributi Comunali e Follonica Summer Festival. Con la prima il Movimento 5 Stelle vuole evidenziare come poco o nulla sta facendo l’Amministrazione Benini per garantire una equa ed imparziale politica di recupero tributario. Sono alcune centinaia di migliaia di euro ogni anno i tributi comunali che non vengono riscossi dall’Amministrazione follonichese, frutto di una gestione carente sia nel recupero del contenzioso sia nel venire incontro a coloro che si trovano in difficoltà ad onorare i pagamenti richiesti. Oltre a risentirne il bilancio comunale, tale inerzia potrebbe causare la decadenza dei tributi degli anni precedenti e far ricadere il pagamento dei servizi a coloro che pagano regolarmente le tasse.

Continua a leggere…

Inconsistente risulta la risposta sul Follonica Summer Festival da parte del Sindaco il quale non risponde con i fatti ai nostri quesiti e non chiarisce i forti dubbi sull’iter di affidamento diretto all’Agenzia “Non c’è problema” per l’organizzazione degli eventi in programma ad agosto nell’Arena Spettacoli. Si risponde sommariamente di agenzie e di proposte quando di fatto l’unica proposta e l’unica agenzia contattata sembra essere la stessa.

Con le altre interrogazioni il Movimento vuole chiarezza poiché sembra non sia stata rispettata la normativa sull’anticorruzione durante l’iter di approvazione del Progetto Daily News e nel caso della spiaggia del fosso Cervia si continua ad ignorare il capitolato permanendo i dubbi sull’utilizzo di quella ghiaia, tra l’altro non preventivamente sottoposta a lavaggio. Ancora dubbi sull’azione amministrativa dell’ente quando decide di affidare ad uno studio legale esterno la rappresentanza in giudizio delle controversie tributarie con un costo pari a circa 15.000 euro, servizio che prima veniva svolta dal precedente responsabile dell’ufficio tributi.

Sempre gli eventi questa volta sportivi per i quali chiediamo più trasparenza e programmazione nella gestione degli stessi.

In ultimo ci chiediamo come mai il servizio del controllo delle erbacce dai marciapiedi con un costo di circa 25.000 euro non sia stato inserito nel bando del verde pubblico invece di essere aggiudicato a maggio 2017 attraverso una procedura al quanto opinabile.

Queste sono alcune delle tante domande rivolte al Sindaco Andrea Benini dal quale i cittadini aspettano risposte dettagliate e ben circostanziate invece di limitarsi ad accusare superficialmente il Movimento 5 stelle di demagogia!




FOLLONICA SUMMER FESTIVAL…. C’E’ QUALCHE PROBLEMA?!

circus

Con lo stesso metro di giudizio riservato agli eventi culturali, oggi siamo ad informare e condividere con la cittadinanza, iter amministrativi di dubbia trasparenza. Dunque parliamo di Follonica Summer Festival, evento che era nell’ambizione della Giunta Benini e che è diventato realtà dopo la recente conferenza stampa.

I fatti:

  • il primo giorno di aprile magicamente si materializza su fb una pagina dedicata al “Follonica Summer Festival” con i primi artisti confermati e qualche giorno dopo addirittura la prevendita dei biglietti. Nonostante la richiesta di accesso presentata, ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta ufficiale.
  • Il 05 maggio viene approvata la delibera di Giunta n°113 dove l’Amministrazione approva la “proposta avanzata dalla Società Non c’è problema S.r.l. con sede a Livorno (Prot. n. 14734 del 2.05.2017) per la realizzazione di un evento denominato FOLLONICA SUMMER FESTIVAL”, tuttavia la nota protocollata è meramente una “richiesta di contributo per la realizzazione dell’attrazione turistica Follonica Summer Festival”. Puntualmente l’Amministrazione concede il contributo di SETTANTATREMILAEURO sulla base di una scarna e sommaria dichiarazione d’intenti dell’agenzia: ”si esibiranno artisti di fama nazionale”. Nella stessa delibera si dà mandato al dirigente del settore n. 3 di predisporre gli atti conseguenti necessari alla realizzazione della manifestazione e per reperire risorse finanziare esterne al bilancio dell’ente.
  • Lunedì 8 maggio viene trasmessa dal Comune ai Consiglieri la delibera con allegata la richiesta da parte dell’agenzia di spettacolo “Non c’è problema” di un contributo di € 73.200 per la realizzazione di questa attrazione turistica. La data riportata sulla lettera risulta tuttavia del 14.02.2017.
  • Questa lettera di richiesta è stata protocollata in data 02.05.2017. 
  • L’11 maggio la delibera è pubblicata all’albo.

Ricapitolando: ad aprile su fb ci sono già le date confermate dell’evento con prevendita dei biglietti, ma non esiste un atto ufficiale. (Chi gestisce la pagina fb?) Viene fatta la conferenza stampa di presentazione ma ancora non si conosce alcunché. Successivamente vengono pubblicate la delibera di Giunta e la richiesta di contributo –NON IL PROGETTO DELL’EVENTO!!! – per organizzare l’evento dall’agenzia proponente. Ad oggi non esiste però una Determina Dirigenziale di impegno di spesa né il progetto dettagliato …forse perché ancora si stanno cercando soldi per abbattere i costi? A tal proposito abbiamo presentato un’interrogazione.  Assessore Baldi, è tutto a posto, o  C’E’ QUALCHE PROBLEMA?