I nostri principi

image_pdfimage_print

SONO I CITTADINI IN RETE A PRENDERE LE DECISIONI.
Vogliamo riportare la politica ai cittadini. I cittadini devono avere la possibilità di influenzare direttamente le scelte della politica. Per questo vogliamo rafforzare gli strumenti di democrazia diretta quali i referendum deliberativi senza quorum, da introdurre nello statuto comunale. Vogliamo anche ridurre drasticamente il numero dei politici ed il costo della politica.

VOGLIAMO UNA POLITICA TRASPARENTE.
Chi fa politica deve essere trasparente e rendere trasparente la sua attività. Quindi deve informare i cittadini del suo compenso e degli atti che porta avanti nella sua attività tramite la rete in modo che qualsiasi cittadino possa informarsi e possa vigilare su quanto fatto dal suo rappresentante.

CANDIDIAMO SOLO CITTADINI INCENSURATI.
Sembrerebbe ovvio, ma per i partiti di destra e di sinistra non è così. Da noi ogni candidato è un libero cittadino che presenta il certificato penale pulito perché chi rappresenta il Paese deve essere il primo a dare l’esempio agli altri.

RIFIUTIAMO OGNI FINANZIAMENTO PUBBLICO.
Vogliamo dimostrare che si può fare politica senza i rimborsi milionari che i politici si garantiscono. Il Movimento 5 stelle ha già rifiutato nelle scorse elezioni di qualsiasi tipo i rimborsi elettorali che gli sarebbero spettati per l’elezione dei suoi rappresentanti.

AL MASSIMO DUE LEGISLATURE.
Crediamo che fare politica debba essere un impegno limitato nel tempo di chi desidera offrire un servizio civile alla collettività e non una professione o peggio ancora un business personale.

IL CODICE ETICO
I candidati del M5S, non iscritti a partiti, incensurati, senza procedimenti penali in corso, senza aver assolto mandati elettorali in precedenza, in caso di elezione, si sono impegnati a:
1. mantenere il diretto contatto con gli iscritti al M5S e con i cittadini recependo le loro proposte, da portare in Consiglio Comunale;
2. dimettersi se condannati, anche se solo in primo grado;
3. formare un gruppo consiliare denominato “MoVimento 5 Stelle”, che non dovrà associarsi con altri partiti o coalizioni, se non per votazioni su punti condivisi;
4. scegliere a maggioranza il proprio capogruppo/portavoce con rotazione semestrale;
5. votare in Consiglio sulla base di quanto deciso dalla maggioranza del gruppo consiliare;
6. partecipare ad almeno l’80% delle sedute dei consigli, delle commissioni e altri organi comunali di loro competenza;
7. dare la propria disponibilità per l’autenticazione delle firme necessarie ad altre forze politiche per la presentazione di loro liste alle elezioni. Altrettanto farà con i promotori di referendum nazionali e locali;
8. a rifiutare doppi incarichi: ognuno deve essere eletto per un’unica carica;
9. a rendicontare le spese per l’attività consiliare sul sito del M5S di Follonica.

I consiglieri riuniti potranno, per palesi violazioni del Codice Etico, proporre l’espulsione di un consigliere a maggioranza. L’espulsione dovrà essere ratificata da una votazione tra tutti gli iscritti al Movimento 5 Stelle di Follonica, anch’essa a maggioranza.”

Be Sociable, Share!