IL PIANO URBANO DEL TRAFFICO PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE

11 aprile 2017 at 17:43
image_pdfimage_print

senzunoSi è fatto un gran parlare in questi giorni del nuovo piano del traffico che l’Amministrazione follonichese ha presentato nella commissione competente. Il M5S ritiene la mobilità un volano fondamentale della nostra vita che si evolve parallelamente allo sviluppo economico e sociale di ogni comunità tanto da diventare indispensabile e irrinunciabile.

La mobilità ha però dei limiti spaziali, temporali, oltre all’impatto ambientale ed energetico che genera. La soluzione a questi limiti è quindi data dalla necessità di rendere la nostra mobilità più sostenibile.

Vogliamo analizzare la proposta dell’Amministrazione cercando di portare il nostro contributo articolato in più comunicati che vadano ad approfondire i vari scenari espressi nella proposta del nuovo Piano del Traffico. Partiamo quindi analizzando la proposta che riguarda la riqualificazione del quartiere Senzuno.

Rimaniamo fedeli al programma presentato nel 2014, che prevedeva, attraverso un processo partecipativo, di trovare insieme alla cittadinanza il rilancio del quartiere Senzuno. Via della Repubblica chiusa al traffico veicolare, potrebbe essere un punto di partenza, inizialmente per la stagione estiva e successivamente per tutto l’anno, creando una ciclabile da una lato della strada che andrebbe a raccordarsi con i due tratti già esistenti, quelli della Pineta di Levante e del lungomare Carducci.

Continua a leggere…

Questa sarebbe una scelta, che porterebbe dei vantaggi alle attività ed agli esercizi commerciali che vi si affacciano, immaginando per quella parte di Senzuno il crearsi di un’idea per un nuovo vivere, in grado di attirare turisti e residenti dando loro tranquillità e sicurezza. La previsione ad esempio di piccoli eventi musicali e manifestazioni fieristiche di qualità, da tenersi nella zona pedonale, richiamerebbero persone da tutte le altre zone della città e non solo.

La proposta dell’Amministrazione, quindi, risulta vicina alla nostra, con alcune osservazioni però non di poco conto. L’idea di fare una zona 30, tipo quella fatta a Venturina sinceramente la riteniamo una soluzione non soddisfacente. A nostro avviso, risulta fortemente sbagliato procedere alla creazione di nuove zone a traffico limitato o nuove aree pedonali senza prima aver potenziato i parcheggi nelle vicinanze del quartiere e senza aver migliorato il trasporto pubblico aumentando le corse con tempi di attesa ben più ridotti rispetto agli attuali e con nuovi orari di inizio e fine servizio, fornendo così un’alternativa valida ed efficiente all’uso dell’auto privata. Altro errore imputabile a questa Maggioranza è di non aver condiviso il progetto nella fase preliminare con la cittadinanza. Dialogare a posteriori, a scelte ormai prese, ha veramente poco senso per noi.

Per il M5S è impensabile parlare di riqualificazione e rilancio di un quartiere senza la partecipazione, il parere e la collaborazione dei diretti interessati.

 

Be Sociable, Share!