Popular Tags:

LA REGIONE IMPONE E IL COMUNE DI FOLLONICA OBBEDISCE

11 gennaio 2017 at 16:34
image_pdfimage_print

Obbedienza sturmtruppenEcco la sintesi della risposta alla nostra interrogazione sul ripascimento della spiaggia a nord del fosso Cervia: la Regione Toscana impone e il Comune di Follonica obbedisce.

Nell’interrogazione sul ripascimento del tratto di litorale a nord del Fosso Cervia il Movimento 5 Stelle contestava il tipo di materiale utilizzato, un ghiaietto di cava non di forma arrotondata, con difformità cromatiche, di origine non fluviale e con il rischio che lo stesso con il tempo potesse causare l’intorbidimento delle acque a causa del rilascio di polvere per continua abrasione del materiale calcareo. Il materiale impiegato per il ripascimento è di fatto la classica ghiaia utilizzata per i fondi stradali e per i giardini. La stessa interrogazione è stata successivamente deposita in Regione grazie alla collaborazione dei nostri consiglieri regionali.

La risposta della Regione Toscana e la nota della stessa allegata dal Sindaco come risposta alla nostra interrogazione sembra una vera e propria presa in giro per i cittadini e tra l’altro anche con supporti tecnici a dir poco opinabili. 

Continua a leggere…

Province… realtà o ectoplasmi?

7 gennaio 2017 at 15:26
image_pdfimage_print

casta-2Il MoVimento 5 Stelle lo ha detto da sempre: abolire le province, enti che rappresentano solo un “poltronificio” per piazzare parenti, amici & C. in posti strategici ed aziende partecipate e controllate.

Tutti i partiti si trovarono d’accordo nel sopprimerle, a parole ma non nei fatti. Le Province esistono, sprecano, costano, e sono ora esenti dal controllo diretto dei cittadini. Avrebbero dovuto, secondo la riforma costituzionale, chiamarsi Aree Vaste o, come in Sicilia, Consorzi di liberi Comuni. Ecco, un modo elegante per dire che sono cosa nostra, della politica, dei partiti, e non si vogliono interferenze.

Adesso sono i consiglieri comunali ed i sindaci a decidere chi guiderà la Provincia e chi saranno i consiglieri provinciali, e a decidere saranno sempre gli stessi, espressione dei vari partiti che nei decenni si sono spartiti senza alcun rimorso di coscienza cariche ed onori (scaricando spesso gli oneri a mai individuati responsabili).

Il MoVimento 5 Stelle ha sempre invocato l’abolizione delle Province e, coerente alla sua richiesta, non presenta alcuna lista o candidatura alle elezioni di Domenica 8 Gennaio.

Non ci facciamo lusingare dalla prospettiva di acquisire poltrone o cariche o di essere gli artefici di vittorie che potrebbero in futuro dare spazio alle nostre battaglie. Uno dei valori fondanti del Movimento è la coerenza, parola caduta in disuso tra i vari partiti.

Per questo, per coerenza, tutti i portavoce del M5S della provincia di Grosseto non parteciperanno in alcun modo alla sottoscrizione delle finte liste e alle successive finte votazioni, ritenendole un’ulteriore presa in giro ed una offesa all’intelligenza di tutti i cittadini.

IPPODROMO: THE TRUMAN SHOW

6 gennaio 2017 at 20:19
image_pdfimage_print

The Truman Show IppodromoFacemmo forte pressione per ottenere la commissione sull’Ippodromo dei Pini, concessa poi il 21 aprile 2016, richiedendo la presenza della Follonica Corse Cavalli (FCC), titolare della convenzione con il Comune e della Sistema Cavallo (gestione sportiva) rappresentata dall’Amministratore unico Toriello. L’Amministrazione Comunale, fu rappresentata dal Sindaco Benini, da alcuni consiglieri e parte dello staff degli uffici tecnici.

In quella sede, evidenziammo le grosse criticità che secondo noi erano presenti nella gestione politica, economica, sportiva dell’Ippodromo, quindi i bilanci delle società, tributi non pagati al Comune, attività sportiva approssimativa e poco produttiva, dubbi sulla validità giuridica della convenzione.

Ma fu come essere nel “The Truman Show”, nel quale i tre attori protagonisti (Amministrazione, FCC, e Sistema Cavallo) rappresentarono un quadro della situazione quasi idilliaco, tutti felici di essersi trovati, di aver contribuito a realizzare questa opera e di essere i condottieri uniti e compatti a dispetto delle nostre lecite quanto fondate domande, relegati nel contesto, semplici comparse. Si unirono poi a questo gioioso coro i tecnici che dispensarono rassicurazioni sull’operato del Comune, sulla gestione dei contenziosi in atto, della riscossione dei tributi, dove la FCC, si prestò a riconoscere i debiti con un piano di rientro, guarda caso in successione ad una nostra interrogazione in merito proprio sui tributi non riscossi.

Continua a leggere…

ASSUNZIONE IN COMUNE CON VIZI DI LEGITTIMITA’

5 gennaio 2017 at 11:55
image_pdfimage_print

Assegnazione temporaneaL’assunzione in Comune del dipendente della Farmacia comunale presenta vizi di legittimità.

E’ questo il contenuto della nostra interrogazione presentata all’Amministrazione Benini.

Nel Consiglio Comunale del 11 novembre 2016 abbiamo appreso dell’assunzione part time presso il Comune di Follonica del dipendente della Farmacia Comunale. Approfondendo la questione con l’accesso agli atti, è emerso che l’istituto dell’Assegnazione Temporanea richiesta dal Segretario Generale ed approvata dalla Giunta con apposita direttiva risulta illegittimo perché il decreto legislativo richiamato negli atti si applica solo a determinate amministrazioni pubbliche e l’Azienda Farmaceutica NON è tra queste.

Il dipendente della Farmacia è di fatto un dipendente privato a cui si applica il contratto ASSOFARM e quindi  non è un dipendente pubblico.

Questa assunzione temporanea, pare inoltre di capire, avrebbe dovuto essere il preludio ad una mobilità, come richiesto dallo stesso dipendente della Farmacia. Ma anche questa assunzione definitiva ha come presupposto normativo lo stesso decreto, quindi non applicabile alla Farmacia ed al suo personale.

L’Amministrazione Benini quindi dovrà spiegare ai cittadini perché ha sottratto il personale altamente qualificato e professionalizzato della Farmacia, creando un disagio funzionale al Servizio Farmacia che, come affermato in Consiglio, dovrebbe provvedere alla sua sostituzione.

Dovrà anche spiegare come sia possibile un’assunzione in base ad una norma NON applicabile, generando profili di illegittimità e ipotesi di danno erariale.

IL SINDACO BENINI INCIAMPA DI NUOVO SULLA FONDERIA 1

4 gennaio 2017 at 11:11
image_pdfimage_print

proprietà-dello statoRimaniamo sbigottiti dalla replica del Sindaco Benini in merito alla concessione della Fonderia 1 in occasione della “La Tavolata 2016”. Una risposta che mal si addice ad un Sindaco esperto dell’attività amministrativa e politica di un Comune. Prima di essere Sindaco, Andrea Benini è stato consigliere, assessore nonché vice sindaco quindi con anni di amministrazione pubblica alle spalle, ma non sono bastati.

L’utilizzo di un bene del Patrimonio Pubblico dell’Ente deve essere preceduto da un atto amministrativo che ne definisce tutti gli aspetti. Così è per la Pinacoteca così è per il Teatro così è per la Fonderia 1 e per gli altri beni comunali.

Premesso che ovviamente alcuna critica viene mossa nel merito della cena a scopo benefico in favore della Croce Rossa Italiana, basta rileggere il nostro comunicato in versione integrale pubblicato sul blog http://www.follonica5stelle.it/patrimonio-comunale-considerato-come-proprieta-privata/,  il M5S intende evidenziare le gravi carenze nell’uso del patrimonio pubblico che viene utilizzato come fosse un bene privato. Inoltre la volontà politica di effettuare una scelta deve risultare da un atto dell’organo esecutivo, la Giunta, anche se l’iniziativa è organizzata dal Comune. Le precedenti edizioni de La Tavolata difatti sono state sempre precedute da delibere della Giunta, in cui l’amministrazione esprimeva la volontà di collaborare all’organizzazione dell’iniziativa benefica, in cui concedeva il patrocinio e l’esenzione delle spese per l’occupazione del suolo pubblico dato che si svolgeva in una pubblica via.

Continua a leggere…

CALCIO. A CHE GIOCO GIOCHIAMO?

2 gennaio 2017 at 9:55
image_pdfimage_print

CalcioAncora una volta il M5S di Follonica torna a parlare di sport e precisamente del pianeta calcio.

Alcuni ex allenatori e dirigenti dell’USD Follonica Calcio, non avendo più la serenità per continuare il lavoro con il settore giovanile, si sono autotassati e, senza percepire alcun rimborso, hanno dato vita ad una nuova società, il Real Follonica.

Il Real Follonica, in pochi mesi è riuscita a creare un settore giovanile con oltre 150 iscritti, gran parte derivati dall’USD Follonica Calcio.

Eppure l’USD Follonica Calcio è titolare della convenzione con il Comune per la gestione dell’impianti calcistici di Follonica, quindi significa che qualcosa proprio non funziona.

Le vicende tecniche, sportive e politiche che hanno portato a questa situazione, sono state rese pubbliche dal M5S, discusse in commissione sport e fatte oggetto anche di interrogazioni.

Continua a leggere…

PATRIMONIO COMUNALE CONSIDERATO COME PROPRIETA’ PRIVATA

30 dicembre 2016 at 16:47
image_pdfimage_print

fonderia_Proprietà privata2Dopo la Pinacoteca concessa senza autorizzazioni di sorta, questa maggioranza concede anche la Fonderia 1 con il solito sistema. Nessuno atto difatti risulta emanato, né delibere di Giunta né determinazioni dirigenziali, ZERO AUTORIZZAZIONI!!!

Ci riferiamo alla concessione in uso alla Croce Rossa Italiana in occasione de “La Tavolata” tenutasi proprio in Fonderia in data 18/09/2016.

Sembra proprio che l’Amministrazione PD di turno stia trattando il patrimonio comunale come la propria sede di partito. Altro che Casa di Vetro. E’ considerata una proprietà privata, di cui disporre a proprio piacimento, ma E’ UNA PROPRIETA’ PUBBLICA restaurata con il denaro pubblico di tutti i cittadini follonichesi.

E’ incredibile che importanti edifici a disposizione del Comune siano concessi dalla coalizione che governa Follonica come se fossero proprietà private. Come è possibile che non vi siano atti? Non si tratta più di leggerezze, ingenuità ma completa inefficienza e inettitudine ad amministrare.

Al riguardo il Movimento 5 Stelle depositerà un’interrogazione al Sindaco Andrea Benini affinché faccia chiarezza ed individui le responsabilità politiche e tecnico-amministrative, perché è evidente che vi sono anche grosse carenze organizzative e di coordinamento interno.

In nessun caso un amministratore politico può permettersi di prevaricare quelle norme e regole che garantiscono l’efficienza e l’imparzialità dell’azione amministrativa di un Comune.

A chi dobbiamo chiedere di dimettersi?

AMMINISTRAZIONE FOLLONICHESE: APPROSSIMAZIONE SULLA GESTIONE DEL AREA EX-ILVA.

28 dicembre 2016 at 20:13
image_pdfimage_print

Ex IlvaNell’attesa che il Sindaco mantenga l’impegno promesso nell’ultimo Consiglio Comunale di rispondere, entro 15 giorni, alle tante interrogazioni ancora inevase da mesi, Il Movimento 5 Stelle continua ad interrogare la Giunta Benini.

Un’interrogazione ed un’interpellanza sono state infatti depositate dal Gruppo Consiliare M5S il 19 dicembre u.s. entrambe inerenti il recupero e l’utilizzo degli edifici all’interno dell’Ex-Ilva.

Con l’interpellanza il Movimento 5 Stelle chiede conto alla maggioranza della strategia politica e tecnica che porterà all’acquisizione dell’intera area Ex-Ilva entro tre anni dall’accordo procedimentale stipulato nel giugno 2015. Acquisizione subordinata al completamento del piano di recupero di tutti gli edifici e degli spazi esterni all’interno del complesso. Ad oggi non è dato sapere quali sono i progetti di prossima realizzazione e quali edifici o aree saranno oggetto di valorizzazione. Dato certo è che manca solo un anno e mezzo alla scadenza e fino ad ora il recupero degli edifici Teatro, Fonderia 1 e Magma sono da attribuire alle precedenti giunte. Nulla è stato fatto da quella attuale e soprattutto vorremmo sapere quali risorse economiche la Giunta attuale intenderà usare per tale scopo.

Continua a leggere…

IL CAOS RIFIUTI

11 dicembre 2016 at 18:02
image_pdfimage_print

rifiutiNella 3^ commissione permanente del Comune di Follonica riunitasi Giovedì 7 Dicembre è stato illustrato quanto accaduto all’assemblea ATO: le gravi problematiche di gestione dell’ATO, le dimissioni di tutto il CDA del gestore unico Sei Toscana, l’acquisto di Sei Toscana delle quote di Scarlino Energia e l’eventuale commissariamento dello stesso gestore unico.

In merito al commissariamento si è verificata una spaccatura tra i Sindaci in Assemblea ATO tra chi era favorevole alla soluzione e chi invece si dichiarava contrario come l’Amministrazione Follonichese. Grave è stato il fatto che la richiesta di precisazioni inviata dall’ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione) all’ATO in merito al commissariamento è stata portata a conoscenza dei Sindaci soltanto in occasione dell’Assemblea e non fatta pervenire precedentemente.

Il M5S di Follonica, contrario all’ATO unico, auspica tale commissariamento, poiché è l’unica soluzione che garantisce trasparenza e imparzialità in questa delicata fase della vicenda rifiuti, considerato anche che Sei Toscana solo all’apparenza risulta privata, ma di fatto registra un intreccio di società e compartecipazioni pubblico/privato.

Continua a leggere…

AL COMUNE DI MONTEROSSO SI LICENZIA IL DIPENDENTE INFEDELE

29 novembre 2016 at 21:32
image_pdfimage_print

Licenziato-Vigile-infedele1

Condividiamo la mail inviata a tutto il Consiglio Comunale di Follonica, relativa ad alcune considerazioni in merito al provvedimento disciplinare adottato dal Comune di Monterosso nei confronti di un vigile infedele.

“Cari colleghi,
portiamo alla vostra attenzione la diversità con cui un’altra Amministrazione comunale ha gestito il caso, analogo a Follonica, di undipendente che ha rubato soldi delle casse Comunali.
Come potete verificare voi stessi, nell’allegato articolo, un’Amministrazione che si rispetti non indugia, non trova scuse ma
agisce nell’unico modo serio ed onesto: LICENZIA!
A Follonica non solo NON si è IMMEDIATAMENTE sospeso i dipendenti infedeli, ma li si è trasferiti alla Polizia Municipale a controllare altri colleghi e le multe dei cittadini, e poi “puniti”, si fa per dire, con una semplice sospensione.
Ci riesce veramente difficile capire quali siano state le motivazioni, le giustificazioni che hanno portato coloro che hanno deciso la sanzione disciplinare a non licenziare in tronco i dipendenti.
Il Segretario del Comune spezzino non ha esitato a licenziare il dipendente infedele, poiché, ovviamente, il rapporto di fiducia con questo soggetto era irrimediabilmente compromesso.
Qualunque motivazione potessero aver portato i dipendenti a rubare, gli stessi non possono essere in alcun modo giustificati né si comprende come può l’Amministrazione di Follonica avere ancora fiducia in questi soggetti.
L’Amministrazione follonichese ha invece COMPLETAMENTE IGNORATO E TRADITO il rapporto di fiducia con CITTADINI FOLLONICHESI, che si sarebbero aspettati una punizione esemplare. (Cos’altro deve fare un dipendente pubblico per essere licenziato?!)
Non ha nemmeno preso in considerazione il fatto di difendere invece l’immagine del Comune e l’onore dei restanti dipendenti comunali, non prendendo le dovute “distanze” da questo fatto penalmente rilevante, applicando la sanzione più giusta e doverosa, il licenziamento.
Singolare, a nostro avviso, è stato l’atteggiamento del Sindaco Benini dal quale ci saremmo aspettati una convocazione per informare almeno i capigruppo di quanto successo e, quando le Minoranze l’hanno portata alla luce del sole, ha solamente minimizzato la questione.
Di ben altro spessore invece è stato il Sindaco del Comune di Monterosso che ha fatto il suo dovere difendendo l’immagine del Comune e dei suoi dipendenti.
Cordiali saluti.
Gruppo Consiliare M5S Follonica”