Popular Tags:

Seconda stella, l’ Acqua. Il torrente Petraia.

19 marzo 2011 at 21:45
image_pdfimage_print

Tutto è partito da una foto pubblicata sul nostro meetup da parte di un simpatizzante che lamentava una brutta fuoriuscita di liquido verde fosforescente.

Siamo andati a fare una verifica di persona ed abbiamo trovato altro…….

Puliamo il bosco 2

16 marzo 2011 at 17:52
image_pdfimage_print

il video di “puliamo il bosco 1” del 13.02.2011

Invitiamo tutti i nostri amici e simpatizzanti alla prossima giornata dedicata alla pulizia del bosco prevista per Domenica 20 marzo.

Grazie al numero crescente dei cittadini sensibili all’ ambiente e disponibili ad aiutarci, abbiamo raddoppiato il numero dei partecipanti e dei mezzi meccanici a disposizione.

Un ringraziamento sincero va anche al gruppo cinofilo della Croce Rossa che si è offerto di seguirci ed aiutarci nello svolgimento dell’ iniziativa.

L’ appuntamento è per domenica mattina.

per info su orari e luogo di incontro seguiteci sul meetup

Comunicato stampa sulla gestione dei rifiuti urbani

12 marzo 2011 at 11:21
image_pdfimage_print

Finalmente, nei primi giorni della settimana scorsa, nei quartieri di Cassarello e Senzuno gli operatori del COSECA hanno provveduto a togliere i rifiuti lasciati in prossimità dei cassonetti ed a pulire le zone limitrofe.

E’ una cosa che come Movimento 5 Stelle abbiamo apprezzato, anche se tali iniziative sarebbero da prendere senza continui appelli dei Movimenti e della popolazione.

Problema chiuso?   No!

Intanto ci chiediamo quanto sia costata al privato cittadino questa operazione di pulizia straordinaria, tra l’altro evitabile se tutti noi fossimo più civili.

Già venerdì 4, abbiamo rivisto comparire materassi, televisori e mobili vicino ai cassonetti.  Chi vuole la conferma vada a vedere le segnalazioni raccolte sul nostro forum in questi giorni.

Come Movimento 5 stelle pensiamo che il problema rifiuti debba essere affrontato nella sua interezza, non solo pulendo quando la situazione diventa insostenibile e minacciando con sanzioni sempre più grandi, ma estendendo la raccolta porta a porta su tutto il territorio cittadino, sensibilizzando la popolazione attraverso attività nelle scuole e nei quartieri, creando e distribuendo materiale informativo. Ponendo un’appropriata cartellonistica in prossimità dei cassonetti ancora presenti ed in quelle zone che sono da preservare.

Punire il trasgressore è utile per arginare l’inciviltà di qualche concittadino refrattario a qualsiasi sensibilità ecologica, ma pensare subito a multare, senza aver educato precedentemente, è una via facile da seguire soprattutto per far cassa.

L’occasione è buona anche per risollevare due questioni messe nel dimenticatoio da maggioranza ed opposizione unite:

  1. la scomparsa nei quartieri di Cassarello e Senzuno dei bidoni blu, quelli del vetro, metallo e plastica per intenderci, liquidata con un “Non avete guardato bene, ci sono”;
  2. la denuncia da noi depositata in Comune e al Comando dei vigili urbani ed al procuratore delle repubblica riguardo la segnalazione di discariche abusive individuate nella periferia del nostro comune, alla quale non abbiamo neanche ricevuto risposta.

Come iniziative personali, a breve avvieremo quella che abbiamo chiamato l’iniziativa “NON MORDO, MA NON DEMORDO” in cui, tra l’altro, procederemo ad una mappatura dei cassonetti di Cassarello e Senzuno, che sarà messa a disposizione di tutti sul nostro sito www.follonica5stelle.it .

Cogliamo l’occasione per invitare tutti al secondo appuntamento della nostra iniziativa “Puliamo il bosco” che ci vedrà impegnati al Parco di Montioni domenica  20 Marzo a partire dalle ore 10.
Il Movimento 5 Stelle di Follonica

Toscana 5 stelle day, le foto della giornata

6 marzo 2011 at 21:27
image_pdfimage_print

Alcune foto della bella giornata che, dai riscontri ricevuti, è stata un successo in tutta la toscana.

Toscana 5 stelle day

27 febbraio 2011 at 22:20
image_pdfimage_print

Sabato 5 marzo il MoVimento 5 Stelle, la piattaforma politica che trae origine dal blog di Beppe Grillo si presenta ai cittadini della Toscana.
L’occasione è il secondo anniversario della Carta di Firenze, la base su cui si fonda il programma in continua elaborazione del movimento; che dice Sì all’acqua pubblica, NO al nucleare, NO alla cementificazione del territorio, No agli inceneritori e Sì alla strategia Rifiuti Zero. Argomenti che non possono avere posizioni come “sì, ma anche” o “no, ma anche”.
I meetup e le liste civiche a 5 Stelle della Toscana saranno presenti con un banchino, un volantino e tanta allegria in tante piazze della Toscana e ad Arezzo, Grosseto, Figline Valdarno e Montignoso dove liste a 5 Stelle si presenteranno alle prossime elezioni amministrative.

Vi aspettiamo con entusiasmo e passione a:

Firenze, piazza Dalmazia 9-16
Empoli, piazza Madonna della quiete 10-13 17-20
Figline Valdarno, piazza Marsilio Ficino 10-19
Arezzo, via Giotto 8-13, piazza San Jacopo 14-18
Grosseto, piazza Dante 10-19
Follonica, piazza Sivieri 15-18
Pitigliano,iazza della Repubblica 10-18
Livorno, Bagni Pancaldi dalle 15-19
Piombino, Corso Italia 10-13 15-20
Lucca, via Beccheria dalle 15-19
Viareggio, via Verdi 15-19
Massa, piazza Bertagnini 9-19
Carrara, via Vespucci dalle ore 10-19
Montignoso, Nuova Piazza di Via Roma 9-19
Pisa, Corso Italia 10-20
Pontedera, piazza Curtatone 11,30-19,30
Pistoia, via Cavour 10-19
Prato, Piazza Duomo 14-19
Siena , giardini de “La Lizza 10-19

La Toscana s’è desta!


Sulla raccolta dei rifiuti, promesse da marinaio dall’ assessore Cetraro e dal comune

15 febbraio 2011 at 23:20
image_pdfimage_print

Il MoVimento 5 stelle denuncia l’inaffidabilità delle promesse fatte dall’amministrazione comunale in merito alla raccolta dei rifiuti .

L’assessore Cetraro in un articolo del 10 Dicembre 2010 garantiva e assicurava la partenza a fine Gennaio 2011 della raccolta Porta a Porta nel quartiere Cassarello; a tutt’oggi queste affermazioni si sono rivelate PROMESSE DA MARINAIO .

Questo comporta maggiori oneri per i contribuenti per lo smaltimento dei rifiuti e l’impossibilità di raggiungere una percentuale di raccolta differenziata tale da farci risparmiare sull’ ecotassa.

Sicuramente non mancheranno le SCUSE da parte della amministrazione , tipo i tagli del governo ; siamo tuttavia dell’idea che un impegno preso il 10 Dicembre non possa essere disatteso dopo solo 2 mesi ,  a meno di non ammettere l’incapacità dell’amministrazione e del suo assessore a programmare.

Fatto sta che i cittadini di Cassarello sono stufi di veder amministrare la cosa pubblica in modo a dir poco superficiale e tutto, ovviamente, A LORO SPESE.

a San Valentino, nel bosco ho riempito un camioncino !

14 febbraio 2011 at 18:23
image_pdfimage_print

“Puliamo il bosco” è stata una iniziativa ben riuscita.

All’ appuntamento si sono presentati una trentina di ragazzi, tutti giovani e con tanta voglia di fare.

Fatti, non pugnette!!

Armati di guanti e sacchi abbiamo ripulito una piccola area del Parco Naturale di Montioni ed in sole due ore, a braccia, riempito un camioncino e tutte le nostre auto.

Chi non lo vede, non può capire quanta schifezza sia stata accontonata nel corso degli anni senza che nessuno ci abbia mai messo mano. Crediamo di poter affermare che il Parco sia una discarica abusiva.

Vi invitiamo a visitare la gallery fotografica

Il materiale raccolto in parte lo abbiamo venduto, come il ferro dal quale abbiamo ricavato 18 euro, ed in parte lo abbiamo conferito presso l’ isola ecologica di Follonica, ma questa è un’ altra bella storia che vi racconteremo alla prossima puntata.

Puliamo il bosco è una iniziativa che il MoVimento 5 stelle, visto il successo ottenuto, conta di ripetere presto.


Puliamo il bosco !

12 febbraio 2011 at 21:57
image_pdfimage_print

“Puliamo il bosco” è una iniziativa del MoVimento 5 stelle di Follonica.

Domenica 13 Febbraio, a partire dalle ore 10,00 ci troviamo presso il cavalcavia della superstrada subito dopo il nuovo ippodromo.

Per arrivare al luogo di incontro, dopo aver preso la strada per Massa Marittima, girate a sinistra subito dopo il nuovo ippodromo e percorrete circa 500 metri fino al raggiungimento del cavalcavia.

Ripuliremo alcune zone di bosco dai rifiuti misti abbandonati (plastica, gomme auto, elettrodomestici e sanitari) e le smaltiremo presso l’ isola ecologica di Follonica.

Presentatevi muniti di guanti, scarpe alte e pantaloni lunghi.

Invitate anche i vostri amici per passare qualche ora all’ aperto in buon compagnia.

Discariche abusive o abbandono di rifiuti?

18 gennaio 2011 at 21:44
image_pdfimage_print
Girellando nella nostra periferia è facile imbattersi in cumuli di rifiuti abbandonati.
Stiamo raccogliendo un po’ di foto, e ci stiamo adoperando per fare una denuncia ufficiale alle autorità competenti.
Presto organizzeremo anche una giornata dedicata alla ripulitura dei nostri boschi.

Cosa dice la legge:
L’articolo 192 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152 (Norme in materia ambientale) vieta “l’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo”, e “l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali o sotterranee”. Chi non rispetti la norma è punito “con la sanzione amministrativa pecuniaria da 105 a 620 euro”, nel caso di rifiuti pericolosi e ingombranti; da 25 a 155 euro, negli altri casi (articolo 255).
L’articolo 256, invece, punisce la discarica abusiva vera e propria, ovvero “l’attività di raccolta, trasporto, recupero , smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti” senza autorizzazione. Si tratta, in questo caso, di un reato penale, punito con l’arresto da sei mesi a due anni e con l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro, nel caso di rifiuti pericolosi; con l’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro, negli altri casi.
La differenza tra il semplice abbandono di rifiuti e la discarica abusiva sta, secondo la prevalente giurisprudenza, nel fatto che il primo è assolutamente occasionale, il secondo ripetuto e abituale.
Inoltre, il colpevole dell’abbandono di rifiuti “è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero e allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dei luoghi”. Lo stesso obbligo ricade sul proprietario o conduttore dell’area. Il sindaco “dispone con ordinanza le operazioni a tal fine necessarie ed il termine entro cui provvedere” (192). Se il colpevole “non ottempera all’ordinanza, è punito con l’arresto fino a un anno” (art. 255). In questo caso, oppure se il responsabile non viene individuato, il sindaco ordina la rimozione e il ripristino dei luoghi, a spese del Comune. Salvo, successivamente, recuperare dai colpevoli le somme spese, dai colpevoli della violazione.

Che cosa possiamo fare per difenderci dalle discariche abusive?
Se vediamo qualcuno che abbandona rifiuti, possiamo denunciarlo alle forze dell’ordine. Prendiamo il numero di targa del suo mezzo di trasporto e, se possibile, scattiamo delle foto. Andiamo alla caserma dei carabinieri o al commissariato di polizia più vicini e raccontiamo quello che abbiamo visto. La denuncia può anche essere presentata in forma anonima, ovvero senza firmare il verbale.
Se, invece, ci imbattiamo in un deposito di rifiuti o in una vera e propria discarica abusiva, facciamo una segnalazione (con raccomandata con avviso di ricevimento) alla Procura della Repubblica, al sindaco e, se i rifiuti si trovano all’esterno del centro abitato, anche  alla Provincia, se possibile allegando alcune fotografie.
Da questo momento, il sindaco (o il presidente della Provincia) è tenuto a provvedere entro 30 giorni. O almeno, entro lo stesso termine, a rispondere alla nostra segnalazione, per esporre le ragioni del ritardo. Se non lo fa, è colpevole del reato di omissione di atti d’ufficio (art. 328 del codice penale), punibile con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro. Quindi, possiamo mandare un esposto alla Procura della Repubblica competente, nei confronti del sindaco (o del presidente della Provincia) inadempiente. La Procura è obbligata ad avviare l’azione penale.

Contro gli inceneritori si può vincere! Accolto il ricorso al Tar del Lazio contro l’inceneritore di Albano Laziale

18 dicembre 2010 at 13:00
image_pdfimage_print

articolo tratto da “Movimento 5 stelle Albano Laziale”

Grazie al duro lavoro del Comitato No Inc, sostenuto anche dal Movimento 5 Stelle, il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati contro la costruzione dell’inceneritore di Albano Laziale, in provincia di Roma. E’ stata annullata la valutazione di impatto ambientale su cui era fondata l’autorizzazione alla costruzione dell’impianto, emessa dalla allora giunta regionale di centrosinistra Marrazzo.corteo-no-inceneritore_17.jpegE’stato accolto anche il ricorso contro il sistema di raffreddamento idrico dell’inceneritore, visto il grave deficit di acqua della zona, originato tra l’altro dalla presenza di arsenico come denunciato qualche settimana fa dagli ispettori della Comunità Europea.

Mentre i comitati ed i cittadini stanno festeggiando in piazza sotto il palazzo comunale, vi vogliamo invitare a venire ad un importante appuntamento che si terrà proprio nel palazzo comunale di Albano Laziale.

Il 18 dicembre alle 17:00 verrà presentata ai cittadini la proposta di legge regionale di iniziativa popolare rifiuti zero che la Lista Civica 5 stelle di Roma e tutto il Movimento 5 stelle del Lazio hanno sostenuto, partecipando alla raccolta di dodicimila firme, e che è appena riuscita a superare lo stop “amministrativo” che la attuale giunta regionale di centrodestra aveva tentato di opporgli. E’ la nostra proposta per una gestione dei rifiuti senza inceneritori e discariche.

La battaglia continua!