image_pdfimage_print

TORRE MOZZA A RISCHIO?

8 agosto 2019 at 12:16

spiaggia-torre-mozza-follonica

Vogliamo informare la cittadinanza che è in corso l’iter per un progetto di ripascimento e di opere di difesa a mare contro l’erosione costiera nel tratto di litorale compreso tra Baia Toscana e Torre Mozza, a cavallo delle province di Grosseto e Livorno.

Il progetto, della Regione Toscana, attraverso il Genio Civile Toscana Sud, intende preservare il tratto di costa dalla continua erosione ad opera del mare, a difesa della duna e delle attività di ricezione turistica ivi presenti.

Un progetto, però che desta preoccupazione anche alla luce del risultato del ripascimento della spiaggia a nord del Fosso Cervia adiacente al tratto di costa interessato, un deserto di sassi con un impatto visivo e ambientale importante.

Nel progetto si legge di due pennelli lunghi circa 50 metri, barriere soffolte a chiusura parziale della scogliera naturale “beachrock” ed infine un ripascimento eseguito con sabbie prelevate alla foce del Fiume Cornia (30000 metri cubi) e con materiale di cava (22000 metri cubi).
Quali effetti avranno queste scelte sull’ambiente marino, sulle correnti e quindi sul bellissimo tratto di mare compreso tra Torre Mozza e Carbonifera? In ogni caso la realizzazione della barriera soffolta in prossimità di Torre Mozza altererà il contesto naturale del luogo con effetti non prevedibili sul lungo termine sul tratto di beach rock direttamente interessato.
Il timore è infatti che tali interventi possano causare il progressivo insabbiamento della beach rock e/o incidere a lungo termine sulla trasparenza dell’acqua a causa di utilizzo di materiale di ripascimento non idoneo, proprio come accaduto alla sopracitata area a nord del Fosso Cervia. Anche in quel caso il progetto prevedeva impiego di sabbia con caratteristiche ben precise ma all’atto pratico il ripascimento è stato effettuato con frantumato di cava con effetti facilmente verificabili! 
Spesso la Regione Toscana è intervenuta a gamba tesa sul nostro territorio con risultati sbagliati, impattanti e senza un adeguato coinvolgimento della popolazione e delle istituzioni locali.

Pertanto invitiamo tutti i cittadini, associazioni ambientaliste e di categoria, Comune di Piombino e Comune di Follonica a leggere attentamente gli atti del progetto che troverete sul sito sotto indicato e a presentare entro i primi di settembre osservazioni inerenti il caso in oggetto.

http://www.regione.toscana.it/

Per approfondimenti sul ripascimento dell’area a nord del Fosso Cervia:

UN ALTRO CONSIGLIO COMUNALE A 5 STELLE

28 novembre 2017 at 19:50

5-stelleTre Mozioni ed una Interrogazione del Movimento 5 Stelle tengono banco al Consiglio Comunale del 30/11/2017 a dimostrazione di una opposizione tanto di controllo quanto il più possibile costruttiva e propositiva. Con le tre mozioni il Movimento 5 Stelle impegna Sindaco e Giunta su tre argomenti diversi, riduzione rifiuti, messa in sicurezza della SP152 e Gora delle Ferriere. Nello specifico il gruppo pentastellato propone l’introduzione della pratica del “vuoto a rendere” prevedendo forme di incentivo economico quali la riduzione della tassa sui rifiuti per gli esercenti, i produttori e distributori, che aderiranno volontariamente all’iniziativa volta alla restituzione di specifiche tipologie di imballaggi con notevole riduzione dei rifiuti. Una proposta quest’ultima in perfetta sintonia e coerenza con il percorso intrapreso da questa Amministrazione con l’adesione al Patto dei Sindaci e all’adozione del PAES (Piano di adozione delle Energie Sostenibili). L’altra Mozione “Sicurezza Stradale SP152” verte invece sul garantire la sicurezza stradale nel tratto della vecchia Aurelia che costeggia la Zona Artigianale impegnando Sindaco e Giunta ad attivarsi presso la Provincia di Grosseto in quanto ente competente alla manutenzione della sp152, al fine di ottenere il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale rendendola più visibile anche nelle ore notturne e rendere più sicuri le uscite dalla Zona Artigianale soprattutto per quelle in cui vige l’obbligo di svoltare verso sud.

Continua a leggere…

SETTE INTERROGAZIONI IN 45 GIORNI

19 giugno 2017 at 18:53

interrogazioniSette, tante sono le interrogazioni del Movimento 5 Stelle di Follonica rivolte al Sindaco Andrea Benini dalla seconda metà di aprile ad oggi. Interrogazioni scaturite dallo studio di dati e atti amministrativi che portano a fare importanti valutazioni politiche. Molti sono gli argomenti toccati dalle interrogazioni dopo esser passati sotto la lente di ingrandimento; Tributi Comunali, Follonica Summer Festival, Progetto Daily News, Spiaggia Fosso Cervia, Incarichi legali esterni, Accoglienza Turistico Sportiva e Controllo delle infestanti nei marciapiedi.

Al momento sono due le interrogazioni che hanno avuto risposte e che andranno in discussione nel prossimo Consiglio Comunale, Tributi Comunali e Follonica Summer Festival. Con la prima il Movimento 5 Stelle vuole evidenziare come poco o nulla sta facendo l’Amministrazione Benini per garantire una equa ed imparziale politica di recupero tributario. Sono alcune centinaia di migliaia di euro ogni anno i tributi comunali che non vengono riscossi dall’Amministrazione follonichese, frutto di una gestione carente sia nel recupero del contenzioso sia nel venire incontro a coloro che si trovano in difficoltà ad onorare i pagamenti richiesti. Oltre a risentirne il bilancio comunale, tale inerzia potrebbe causare la decadenza dei tributi degli anni precedenti e far ricadere il pagamento dei servizi a coloro che pagano regolarmente le tasse.

Continua a leggere…

IL PD E LA POLVERE SOTTO IL TAPPETO

15 settembre 2016 at 19:56

la-polvere-sotto-il-tappetoAncora una volta una delicata questione come un procedimento disciplinare a carico di dipendenti del Comune è stata mal gestita dall’Amministrazione PD.

Già alcuni anni fa, durante il mandato del Sindaco Baldi, il PD non affrontò con la dovuta attenzione la notizia, serpeggiata nei banchi dell’Opposizione, di un procedimento penale avviato a carico di alcuni vertici amministrativi e assessori dell’Ente.

Tacitare, silenziare ostinatamente un fatto grave come quello che la cittadinanza ha appreso dalla stampa a seguito di una interrogazione presentata da alcune forze di opposizione sulla base di “illazioni” di “sentito dire” è peccare d’ingenuità; difatti la notizia è uscita e l’Amministrazione non l’ha saputa gestire.

Nessun chiarimento doveroso è stato fornito. Forse che i cittadini non hanno diritto di sapere se, quali reati e per quali importi, sono stati commessi da alcuni dipendenti dell’Ufficio Tributi e quali sanzioni disciplinari sono state applicate? Pur nel totale rispetto della privacy, queste sono le minime informazioni che sarebbero doverose per un’Amministrazione trasparente, invece di fornire repliche evasive e fuorvianti.

Siamo quindi contrari ad un Consiglio a porte chiuse. Riteniamo che, poiché un’Amministrazione gestisce risorse e beni pubblici e quindi della cittadinanza, la stessa debba essere edotta di cosa avviene con le tasse che paga. Non è necessario fare nomi e cognomi, quello che è fondamentale è capire e valutare politicamente come l’Amministrazione ha affrontato questa vicenda e soprattutto quali provvedimenti ha adottato a tutela della cittadinanza.

M5S PROTESTA IN CONSIGLIO COMUNALE

17 febbraio 2016 at 19:02

Il M5S di Follonica ha deciso di protestare pubblicamente nel Consiglio Comunale del 18 febbraio contro l’atteggiamento di questa Amministrazione.

Il Movimento, nell’ultima conferenza dei capigruppo, aveva posto un ultimatum al Presidente del Consiglio Comunale, Francesco de Luca: qualora non fosse pervenuta la risposta scritta ad una nostra interrogazione, presentata in data 12/08/2015, il gruppo consiliare M5S avrebbe lasciato per protesta il Consiglio Comunale del 18/02/2016.

Continua a leggere…