image_pdfimage_print

MAFIA IN TOSCANA … FOLLONICA NON FA ECCEZIONE

17 ottobre 2017 at 18:50

mafia-toscanaQuando si parla di mafie o comunque di un sistema mafioso si pensa che sia una questione tutta meridionale, purtroppo sono anni che la malavita organizzata, sotto le sue varie sembianze, è emigrata nel resto dell’Italia e in buona parte del mondo. La triste vicenda che colpisce duramente Follonica non è altro che la conferma che anche la Toscana e purtroppo la nostra città non si devono sentire immuni da questi sistemi delinquenziali. Da mesi il Movimento 5 Stelle regionale, in collaborazione con il senatore Giarrusso Mario Michele, membro della Commissione Giustizia in Senato, è impegnato in un tour formativo e informativo sulla legalità in Toscana. Durante le tappe di Viareggio, Suvignano in provincia di Siena e a Sesto Fiorentino, il Movimento 5 Stelle ha affrontato tematiche quali appalti e concessioni, strumenti di contrasto dell’illegalità a disposizione dei cittadini, interdittiva antimafia, report gioco d’azzardo legale e illegale con la mappa delle collusioni con la criminalità organizzata, con il preciso intento di informare e formare i propri attivisti e portavoce e per offrire un’illustrazione più realistica della situazione in Toscana, ormai sotto attacco delle mafie. Grazie agli arresti eseguiti nei giorni scorsi a Follonica su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, come risulta dalle indagini, è emerso come il sistema mafioso abbia avuto modo di introdursi nelle istituzioni e questo deve far riflettere tutti. Cittadini e soprattutto le istituzioni, oltre ad indignarsi, devono alzare il livello di attenzione affinché la città di Follonica non cada in un crescente degrado di illegalità.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica ripone massima fiducia nell’operato dalla DDA di Firenze e ringrazia i Carabinieri del comando provinciale e i Finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza che, in collaborazione, sono stati impegnati nelle indagini e nelle operazioni svoltesi l’undici di ottobre.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica condanna quanto accaduto e crede fermamente che tali sistemi mafiosi possano essere debellati ricorrendo alla massima trasparenza delle istituzioni alzando il livello di controllo e soprattutto con alto senso di morale e di legalità a partire da ogni singolo cittadino fino ad arrivare ai rappresentanti delle istituzioni ripudiando ogni tipi di sistema malavitoso.

Risulta altresì importante che, a tutti i livelli della società civile, si collabori con la Commissione Antimafia ogni qualvolta la minaccia mafiosa si presenti, in qualsiasi forma sia, senza alcun indugio o remora, e senza invocare il diritto alla riservatezza, qualora la rinuncia alla privacy possa permettere indagini più veloci ed efficaci. Quando parliamo di mafia, l’atteggiamento deve essere rigido e determinato, senza alcuna ambiguità a riguardo.

Trasparenza invece osteggiata dalla Massoneria difatti il Grande Oriente d’Italia è da alcuni mesi al centro di uno scontro politico-giudiziario con la Commissione Parlamentare Antimafia e, in particolare con il suo presidente Rosy Bindi, a seguito del rifiuto del Gran Maestro, Stefano Bisi, di fornire gli elenchi degli iscritti alla loggia. Il primo marzo scorso proprio per ordine della Commissione sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza gli elenchi degli iscritti di Sicilia e Calabria. Una misura imposta — a giudizio dei commissari — dalla necessità di conoscere i nomi di alcuni aderenti nell’ambito dell’indagine parlamentare su presunte infiltrazioni di elementi della criminalità organizzate in alcune logge delle due regioni. Ricordiamo che la medesima loggia, Grande Oriente d’Italia, ha tenuto, pochi giorni fa, un convegno INTERNAZIONALE proprio nella città di Follonica ed il primo cittadino Andrea Benini non ha mancato di fare gli onori di casa.

Il Movimento 5 Stelle Follonica risponde al Giuntini.

18 aprile 2016 at 20:52

se

Il M5S Follonica legge con molta preoccupazione le dichiarazioni del sindaco di Massa Marittima, Marcello Giuntini, sul destino dell’Inceneritore di Scarlino.

Dichiarazioni che mettono insieme, in maniera per noi strumentale, la dovuta solidarietà ai lavoratori con l’appello, ai sindaci dell’Alta Maremma, per una modifica del piano di rifiuti provinciale mediante l’inserimento di Scarlino Energia e dei suoi debiti nel piano stesso.
Vorremmo ricordare al sindaco Giuntini alcune cose che forse non sa o fa finta di non sapere.

1) Il Consiglio Comunale di Follonica (come altri comuni del grossetano), alle ventilate ipotesi di acquisto da parte di SEI Toscana dell’inceneritore (nota ATO 6 del 24 Luglio 2014), ha approvato all’unanimità una mozione che va nella direzione opposta, impegnando l’amministrazione “di  farsi promotrice di una lettera ai Sindaci presenti nell’ATO Sud con la quale motivare i rischi e la contrarietà al prefigurato ruolo dell’impianto di “Scarlino Energia”;

2) Sempre in tale mozione si legge l’impegno “a costruire, con i Comuni dell’area Val di Pecora, Colline Metallifere, Val di Cornia una proposta all’ ATO SUD ed alla Regione Toscana di un diverso modello e piano di gestione delle raccolte e del riutilizzo dei rifiuti prodotti.”
questo anche in considerazione, dimostrabile con cifre, dati e documenti, che il modello  di economia circolare che privilegia riduzione, recupero, riuso (i tre cardini della gerarchia europea dei rifiuti) porta a maggiori posti di lavoro (in provincia di Grosseto si calcola circa 240 solo in raccolta e selezione) e alla riduzione dei costi delle tariffe per i cittadini;

3) Quell’impianto, obsoleto, vecchio, antieconomico, inquinante è stato bocciato come tale da una commissione d’inchiesta provinciale, da una sentenza del TAR e da due sentenze del Consiglio di Stato, che sono macigni su cui si poggia il pendente ricorso al TAR, fatto anche dagli amministratori di Follonica.

Riteniamo inaccettabile che un amministratore possa proporre con tanta superficialità di far accollare i debiti (oltre 60 milioni) di una società privata alla comunità, a noi cittadini.
Ci indigna inoltre che il sindaco non spenda una parola per i rischi sanitari che stanno correndo gli abitanti della piana del Casone, rischi che sono stati ben documentati nel rapporto Asl, con un aumento (in alcuni casi statisticamente significativo) di malattie diossino-dipendenti.
Di ben altro tenore furono le parole spese dai sindaci di Massa nella lotta per la chiusura dell’inceneritore di Valpiana, ma evidentemente della salute degli abitanti di Follonica e Scarlino al sindaco importa il giusto, cioè niente, quel che gli interessa è, evidentemente,  acquisire meriti con chi sta dietro la pratica dell’incenerimento.

Pillole di programma: SALUTE

25 aprile 2014 at 19:10

Schermata 2014-04-25 alle 21.00.10

Vivere in un ambiente salubre è non solo una condizione necessaria per il miglioramento della qualità della vita, ma anche un mezzo importante di prevenzione sanitaria e di tutela del benessere.

Chi si appresta ad amministrare una città come Follonica che, oltre alle comuni fonti di inquinamento, ha anche un inceneritore situato in un’area già fortemente inquinata, che, di recente, ha fatto registrare sforamenti di diossina fino a cinque volte superiori alla tollerabilità, non avrà certo un compito facile, perché si troverà a dover fronteggiare detentori di interessi economici enormi, ai quali la salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini interessa ben poco.

Essendo noi stessi cittadini liberi, non legati a lobbies di potere e nemmeno mossi da interessi economici personali, ma convinti di lavorare unicamente per il bene della collettività, contiamo sull’aiuto dei nostri concittadini per portare avanti le nostre azioni.

 

Noi proponiamo:

• la diminuzione dell’inquinamento con tutti i mezzi possibili ( Rifiuti Zero, Mobilità sostenibile, riduzione immissione CO2 tramite incentivi per minori consumi negli edifici pubblici e privati, ecc. );

• il blocco di ogni progetto o opera che porti inquinamento;

• la partecipazione di tutti gli operatori sanitari alla individuazione delle problematiche e delle criticità esistenti nel territorio ed alla loro risoluzione condivisa;

• l’acquisizione tramite l’ARS (Agenzia Regionale di Sanità) di statistiche sulle cause di mortalità degli ultimi 10 anni così da poter individuare ed isolare i pericoli per la popolazione;

• l’istituzione di un Registro Tumori;

• la partecipazione e il controllo dei consigli comunali sulla Società della Salute, che dovrà divenire una Casa di Vetro;

• un programma di educazione sanitaria nelle scuole, riguardante l’uso corretto dei farmaci, i loro benefici e i rischi;

• politiche di prevenzione da concertare con gli operatori sanitari;

• la collaborazione con gli enti sanitari preposti per tutelare e difendere la L.194;

• una educazione alimentare che promuova stili di vita salutari e un consumo consapevole; utilizzo nella ristorazione collettiva pubblica di alimenti biologici in considerazione del fatto che il buon cibo nutre e cura;

• che le autorità competenti verifichino approfonditamente le cause di inquinamento delle acque superficiali e di falda, soprattutto nel quartiere Cassarello, più vicino all’area industriale del Casone, al fine di rimuovere tali cause.

Il programma completo è disponibile on-line qui, oppure in versione cartacea ai nostri banchetti elettorali

TURISMO (estratto del programma elettorale)

21 aprile 2014 at 17:50

IMG_0008

Nel settore turistico Follonica ha potenzialità ancora tutte da sfruttare, la cui offerta non può né deve limitarsi ai soli mesi estivi: essa infatti non è solo mare e pinete, per quanto questi due elementi siano fondamentali quale polo d’attrazione per i turisti e vadano perciò protetti, tutelati e garantiti con qualunque mezzo. Da questo, la nostra contrarietà alla Darsena di Pratoranieri nella quale intravediamo il pericolo di ulteriore speculazione edilizia e al porto di Piombino, quale Centro di Demolizioni Navali che avrebbe ripercussioni disastrose non solo sull’ecosistema marino e dunale, ma anche sul tessuto economico che di mare vive.

Noi del M5S di Follonica, intendiamo con forza segnalare quanto inutile sia, da parte della Regione, elargire somme atte a finanziare progetti milionari a tutela della costa quando con la realizzazione del porto di Piombino se ne annienterebbero gli effetti benefici. Pertanto, vorremmo:

preservare l’immagine prevalentemente turistica della nostra città, garantendole decoro, pulizia, sicurezza e buona manutenzione;
attuare i lavori necessari al conseguimento di un sistema fognario finalmente efficiente, con migliorie e potenziamenti all’attuale depuratore anche attraverso la fitodepurazione, nonché la lotta agli allacci abusivi con severe misure sanzionatorie;

sostenere la vera nautica popolare, anche attraverso piccoli e mirati interventi volti a migliorare il servizio, come scivoli e parchi boe, con minimo impatto ambientale;
migliorare la qualità ricettiva degli appartamenti destinati ad affitti stagionali attraverso la collaborazione con le Agenzie Immobiliari ed integrare la ricezione turistica con la realizzazione di B&B e piccoli Hotel, recuperando e riconvertendo parte del patrimonio edile esistente;
realizzare l’abbattimento delle barriere architettoniche con l’attuazione di un piano di mobilità sostenibile che garantisca una città accessibile a tutti, a partire dall’accoglienza dei turisti disabili alla stazione ferroviaria fino alle strutture ricettive, ai locali pubblici e ai luoghi di interesse collettivo;
incrementare il turismo giovanile migliorando l’offerta culturale, musicale e l’intrattenimento in genere, creando in aggiunta un potenziamento del turismo sportivo anche durante il periodo autunnale ed invernale (nautico, ciclismo escursionistico), mettendo a disposizione gli impianti sportivi cittadini e realizzando anche semplici strutture sportive adiacenti il lungomare per la pratica di sport tipicamente estivi;
valorizzare Follonica in ogni modo, non solo per far conoscere il nostro territorio, la bellezza dei suoi parchi naturali e borghi medievali, ma promuovendo la città, quale meta di partenza, per escursioni verso le più importanti città d’arte del centro Italia.
In questo progetto tutti gli operatori e le strutture turistiche dovranno essere coinvolti, dando luogo a un vero e proprio Sistema Turismo. Tra questi vogliamo ricordare Il Veliero, auspicando la sua riapertura in modo che torni ad aggiungersi agli altri villaggi, recando ulteriore apporto al turismo follonichese.

Per approfondimenti sul programma elettorale 2014/2019: www.follonica5stelle.it

Gabriele Cecchini

Portavoce Candidato Sindaco M5S Follonica

ACQUA BENE COMUNE

18 aprile 2014 at 8:31

Schermata 2014-04-16 alle 09.44.58

E’ di qualche giorno fa la notizia dell’inaugurazione in pompa magna della nuova sede dell’Acquedotto del Fiora e delle solite promesse di ampliamenti, potenziamenti, miglioramenti dell’acquedotto, ottimizzazione del depuratore ecc.

La notizia però che ci ha colpito di più è il ritorno all’idea del dissalatore.
Il dissalatore, voluto dall’Amministrazione Comunale e dall’Acquedotto del Fiora, potente più di quello del Giglio ( che è un isola…. ricordiamocelo), con investimenti milionari .
Ma qual’ è la ragione di un tale progetto? Forse l’inquinamento da arsenico delle falde? Cosa ormai appurata e che con il dissalatore vogliono tamponare/mascherare? Già l’arsenico nelle falde, un’altra storia di responsabilità palleggiate e nascoste o taciute.
E i finanziamenti? Sono a fondo perduto? O ripresi attraverso la “remunerazione del capitale investito”, quel famoso 7% che paghiamo in bolletta?

Ecco parliamo anche di bollette, che, in poco tempo in provincia di Grosseto, sono salite del 300% e parliamo anche del mancato rispetto del referendum “Acqua Bene Comune”.

Nel 2010 abbiamo proposto al Sindaco di Follonica la modifica dello Statuto Comunale, proposta ripetuta insieme al “Comitato Cittadino per l’Acqua Pubblica”, in cui si chiedeva l’inserimento della definizione “acqua bene comune, privo di rilevanza economica”, che avrebbe fatto uscire l’acqua dalle logiche del mercato, ma non abbiamo avuto risposta.

Ora lo abbiamo inserito nel nostro programma amministrativo insieme ad altre proposte tutte rispondenti al principio che “l’acqua è di tutti e non si vende!”
Proponiamo un quantitativo minimo di acqua gratis per tutti, una tariffa differenziata in base al consumo. Crediamo nell’utilizzo coscienzioso dell’acqua nelle abitazioni con la diversificazione fra potabile e non, promuovendo anche il recupero dell’acqua piovana in vasche di accumulo.

Noi del Movimento 5 Stelle crediamo fermamente in un consumo più consapevole, una politica delle acque volta al risparmio, al riciclo e al trattamento delle acque reflue con sistemi alternativi al cloro come la fitodepurazione.

Per approfondimenti sull’argomento nel nostro programma 2014/2019:  http://issuu.com/alessandroleoni/docs/m5s_follonica_-_programma_elettoral/17?e=4077898/7432473

WEEK END 5 STELLE

24 marzo 2014 at 12:52

lacandina evento

Il Movimento 5 Stelle invita la cittadinanza alla presentazione dei candidati consiglieri e il loro portavoce candidato sindaco sabato 29 marzo alle ore 16.00 presso il Casello Idraulico in Via Roma a Follonica. Come da metodo 5 stelle il candidato sindaco sarà il semplice portavoce delle scelte e del lavoro di mesi svolto da gruppi tematici, da confronti e suggerimenti dei cittadini . Sabato sarà presentata la visione del futuro di Follonica a 5 stelle: una città con un nuovo volto ispirato allo sviluppo sostenibile che preservi l’ambiente, la salute pubblica e al tempo stesso occasione di nuova e alternativa occupazione.

Follonica è una città che si merita più di “un’ordinaria Amministrazione”, è una città che legittimamente può rivendicare un importante ruolo nel settore turistico e agricolo, nelle energie rinnovabile, nell’edilizia diretta al recupero del tessuto urbano esistente e in una nuova gestione dei rifiuti con la “Strategia  Rifiuti Zero”.

Follonica può  diventare un Polo del Risparmio Energetico e delle Fonti Rinnovabili, un Distretto del Riciclo, e, anche insieme ad altri comuni, può realizzare il Distretto del Biologico nonché diventare una delle più importanti mete italiane di un turismo sostenibile.

Una città proiettata anche alla riscoperta dei valori e delle tradizioni per far rinascere quel senso di comunità che purtroppo si sta perdendo ma che garantisce benessere e sicurezza sociale,  per  una società che metta al centro il  rispetto dell’uomo e di tutti gli esseri viventi.

Una visione ambiziosa ed importante ma facilmente realizzabile se condivisa e partecipata con la cittadinanza e frutto della collaborazione ed interazione delle amministrazioni locali limitrofe. Molti problemi come il porto di Piombino, la difesa a mare della costa o la gestione di un’area industriale come quella del Casone di Scarlino superano i  confini comunali  pertanto le soluzioni devono essere il risultato di sinergie tra gli enti locali interessati. A dimostrazione della futura collaborazione e unità d’intenti saranno presenti i portavoce candidati sindaci del Movimento 5 Stelle: di Piombino, Daniele Pasquinelli, di  Campiglia Marittima,  Daniele Fioretti e di Scarlino, Marco Mazzei.

Al termine della presentazione e del confronto con i cittadini saranno offerti aperitivo e  musica dal vivo.

Il giorno successivo, domenica 30 marzo, alle ore 10.00 il Movimento 5 Stelle presenterà alcuni esempi concreti di Bioedilizia grazie alla collaborazione e alla presenza dell’Associazione Culturale Architettura & Geobiologia. Ristrutturare secondo i criteri del risparmio energetico ed idrico con materiali eco-compatibili è la formula per rilanciare l’edilizia e la relativa occupazione.

Alle ore 15.00  si riprenderà con l’intervento sulla NO SAT di Ubaldo Giardelli quale approfondimento sulla contrarietà all’esproprio della variante e della vecchia Aurelia da parte di SAT spa  per trasformarla in  un’autostrada a pagamento e per sostenere invece la messa in sicurezza dell’Aurelia  e la valorizzazione del collegamento ferroviario Tirrenico.  A seguire l’intervento RIFIUTI ZERO, presentato da Marco MazzeiSelene Palazzani del Movimento 5 Stelle di Scarlino e da Ubaldo Giardelli, per sostenere l’unica alternativa agli inceneritori e discariche, considerando i rifiuti come risorsa e NON come un problema da sotterrare o incenerire. Seguirà nuovamente musica dal vivo e  ricco buffet.

Durante la giornata di domenica, per i più piccoli, sono previsti laboratori di oggettistica con materiale riciclato

 

Il MoVimento 5 Stelle di Follonica  inaugura la campagna elettorale con una buona informazione nel week end tutto a 5 stelle !!!!