image_pdfimage_print

TORRE MOZZA A RISCHIO?

8 agosto 2019 at 12:16

spiaggia-torre-mozza-follonica

Vogliamo informare la cittadinanza che è in corso l’iter per un progetto di ripascimento e di opere di difesa a mare contro l’erosione costiera nel tratto di litorale compreso tra Baia Toscana e Torre Mozza, a cavallo delle province di Grosseto e Livorno.

Il progetto, della Regione Toscana, attraverso il Genio Civile Toscana Sud, intende preservare il tratto di costa dalla continua erosione ad opera del mare, a difesa della duna e delle attività di ricezione turistica ivi presenti.

Un progetto, però che desta preoccupazione anche alla luce del risultato del ripascimento della spiaggia a nord del Fosso Cervia adiacente al tratto di costa interessato, un deserto di sassi con un impatto visivo e ambientale importante.

Nel progetto si legge di due pennelli lunghi circa 50 metri, barriere soffolte a chiusura parziale della scogliera naturale “beachrock” ed infine un ripascimento eseguito con sabbie prelevate alla foce del Fiume Cornia (30000 metri cubi) e con materiale di cava (22000 metri cubi).
Quali effetti avranno queste scelte sull’ambiente marino, sulle correnti e quindi sul bellissimo tratto di mare compreso tra Torre Mozza e Carbonifera? In ogni caso la realizzazione della barriera soffolta in prossimità di Torre Mozza altererà il contesto naturale del luogo con effetti non prevedibili sul lungo termine sul tratto di beach rock direttamente interessato.
Il timore è infatti che tali interventi possano causare il progressivo insabbiamento della beach rock e/o incidere a lungo termine sulla trasparenza dell’acqua a causa di utilizzo di materiale di ripascimento non idoneo, proprio come accaduto alla sopracitata area a nord del Fosso Cervia. Anche in quel caso il progetto prevedeva impiego di sabbia con caratteristiche ben precise ma all’atto pratico il ripascimento è stato effettuato con frantumato di cava con effetti facilmente verificabili! 
Spesso la Regione Toscana è intervenuta a gamba tesa sul nostro territorio con risultati sbagliati, impattanti e senza un adeguato coinvolgimento della popolazione e delle istituzioni locali.

Pertanto invitiamo tutti i cittadini, associazioni ambientaliste e di categoria, Comune di Piombino e Comune di Follonica a leggere attentamente gli atti del progetto che troverete sul sito sotto indicato e a presentare entro i primi di settembre osservazioni inerenti il caso in oggetto.

http://www.regione.toscana.it/

Per approfondimenti sul ripascimento dell’area a nord del Fosso Cervia:

IL M5S FOLLONICA VERSO IL TURISMO E LA SICUREZZA

9 maggio 2018 at 19:06

09-ufficio-turistico-informazioneIl gruppo consiliare Movimento 5 Stelle di Follonica ha depositato In data 03/05/2018 tre mozioni e una domanda di attualità per il sindaco Benini. Tutti gli atti sono rivolti a migliorare in vari modi l’accoglienza turistica e la sicurezza urbana.

L’obbiettivo che si pone il Movimento 5 Stelle in materia turistica è un cambio di passo obbligato al fine di incrementare il turismo migliorandone l’accoglienza con alcuni servizi di cui potranno trarre beneficio anche i residenti.

Un punto di informazione turistica alla stazione ferroviaria, una modifica alle linee dei bus urbani e l’introduzione della presenza degli agenti della polizia municipale sugli stessi autobus, sono le tre proposte avanzate dal Movimento 5 Stelle che andranno in discussione al prossimo Consiglio Comunale.

E’ questione di buon senso prevedere per chi raggiunge Follonica con il treno la possibilità di ricevere un’adeguata informazione turistica appena giunti in città, come altrettanto di buon senso risulta collegare le strutture ricettive più periferiche al centro abitato e alla stazione ferroviaria con semplici modifiche al percorso delle linee urbane.

La terza mozione invece riguarda la sicurezza urbana, tema al quale il Movimento 5 Stelle ha sempre mostrato la sensibilità dovuta. Per questo proponiamo di prevedere la presenza degli agenti della polizia municipale sui Bus Urbani, soprattutto nel periodo estivo in alternanza su tutte le linee e con una maggiore frequenza nelle ore serali e notturne in concomitanza di eventi e dell’aperture delle discoteche; un deterrente importante al fine di migliorare la sicurezza degli utenti ma anche degli autisti Tiemme. La stessa proposta fu avanzata in occasione di apposita commissione consiliare in cui anche la Polizia Municipale ne dichiarò la fattibilità.

Anche la domanda di attualità è inerente l’immagine turistica di Follonica e mira a conoscere le motivazioni per cui le aree verdi che circondano il Parco Centrale e di pertinenza dello stesso sono perennemente in stato di abbandono fin dai tempi dell’inaugurazione. Rotonde, aiuole e spartitraffico risultano trascurati e danno un’immagine poco gratificante del decoro urbano follonichese, tenuto conto del fatto che da quella viabilità transitano migliaia di visitatori.

Una città a vocazione turistica non dovrebbe offrire uno spettacolo pietoso come quello dei ponti feriali appena trascorsi.

Alcune delle proposte potrebbero trovare copertura finanziaria nel gettito della Tassa di Soggiorno trattandosi di accoglienza turistica.

GIUNTA BENINI SPESSO IN RITARDO ALL’APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE BALNEARE

31 maggio 2017 at 16:20

follonica-in-ritardoCome l’anno scorso, quando fummo costretti ad evidenziare il ritardo con cui l’Amministrazione Benini si presentava alla stagione balneare con una città che aveva poco di decoroso da offrire ai turisti, anche quest’anno dobbiamo segnalare alcune pecche che non mostrano certo la vocazione turistica della nostra città venendo meno una adeguata accoglienza degna di tale nome.

Ampi tratti del litorale pubblico di Pratoranieri, non è stato pulito, dando così un’immagine di trasandatezza e scarsa efficienza agli occhi dei primi bagnanti che hanno visitato Follonica nel primo fine settimana estivo. Ampi tratti di spiaggia sono invasi dalle alghe ormai da tempo e mai rimosse, che ostacolano la fruizione di quella poca sabbia che è rimasta, cosa che invece giustamente non si verifica nei tratti occupati dagli stabilimenti balneari.

Segnaliamo all’Assessore al mare Aloisi che sarebbe opportuno tentare di bonificare dai detriti residui dei lavori per la difesa a mare il tratto di fronte al campeggio Tahiti e dotare di postazioni per le biciclette il tratto finale di Pratonieri fino al Villaggio Golfo del Sole che ne è completamente sprovvisto.

Non va meglio per il verde pubblico, nonostante ci siano miglioramenti sulla gestione del taglio erba, risultano ancora assenti interventi alle aiuole davanti al Parco Centrale, ed in generale su buona parte della Città. L’Arena spettacoli, che ha visto ospitare nel Pomeriggio di domenica l’atto conclusivo del 9° raduno bandistico “Città di Follonica”, di decoroso aveva ben poco, visto che l’erba arrivava alle ginocchia delle persone sia nel prato arena che nella zona circostante.

Come mai un’Amministrazione che vuole definirsi di Centro Sinistra sembra essere sempre più attenta alle richieste dei privati e sempre meno verso il pubblico?

Rimaniamo in attesa di una risposta ma soprattutto di un immediato intervento dell’Assessore al Mare Aloisi e del Sindaco Benini.

PROLOCO FOLLONICA: FARE TURISMO CON I FICHI SECCHI

13 marzo 2017 at 20:08

PROLOCORimanendo fedeli al proprio programma elettorale, il Movimento 5 Stelle ribadisce con convinzione che occorre puntare seriamente sul turismo follonichese cercando di utilizzare e valorizzare, attraverso un progetto d’insieme, tutte le potenzialità del nostro territorio. Lo Sport, il Parco di Montioni, l’Area Mercatale, la Fonderia n.1, il museo Magma, la cultura, lo spettacolo dovranno attraverso una sinergia far sì che il turismo si estenda anche durante i mesi invernali. In questa ottica è inevitabile affidare un ruolo primario alla Proloco, attribuendole compiti precisi ed obbiettivi importanti in termini di coordinamento, di organizzazione e di promozione turistica, assegnandole risorse finanziarie adeguate sia pubbliche che private. Una struttura dinamica ed efficiente sotto il controllo dell’Amministrazione Comunale con al suo interno personale motivato e retribuito adeguatamente. Un catalizzatore per gli studenti provenienti dagli istituti superiori con orientamento di informatica, linguistico, turistico e di marketing del territorio oltre al personale stabilmente impiegato.

Il Movimento 5 Stelle di Follonica in sede di deliberazione in Consiglio Comunale della convenzione tra Amministrazione Comunale e l’Associazione Proloco, decise di esprimersi con un voto di astensione proprio perché la convezione stanzia soli € 38.000,00 per garantire l’accoglienza e l’informazione turistica, contributo a nostro avviso totalmente insufficiente se rapportato all’orario e al numero dei collaboratori dell’associazione impiegati e assolutamente inadeguato per assicurare loro una dignità retributiva.

Altro aspetto è il controllo da parte dell’Amministrazione Comunale sull’attività svolta dalla Proloco. Il Movimento 5 Stelle è infatti in attesa di risposte a richieste di accesso agli atti avanzate per venire in possesso di alcune rendicontazioni in merito ai compensi liquidati ai propri collaboratori. E’ ancora giacente un’interrogazione presentata a febbraio per sapere di chi si è avvalsa la Proloco per l’esecuzione del Progetto Daily News, mentre un’altra richiesta di accesso agli è stata appena depositata per conoscere quale struttura ricettiva sia stata scelta per ospitare la nazionale MTB che ha soggiornato nella nostra città pochi giorni or sono e con quale criterio. In entrambi i casi l’amministrazione ha deliberato contributi pubblici di € 6000,00 e di € 7000,00 a fronte di progetti presentati dall’associazione  poco dettagliati nei costi, negli obbiettivi e nelle attività previste. Insomma ci sono sembrate delle semplici richieste di cofinanziamento ad occhi bendati più che di veri e propri progetti.

Risulta quindi indispensabile non solo un potenziamento della Proloco, ma un maggior controllo e condivisione delle iniziative con l’Amministrazione e con tutto il tessuto sociale cittadino.

 

L’ IMPOSTA DI SOGGIORNO A FOLLONICA NON EQUIVALE A TURISMO

30 maggio 2016 at 19:00

Imposta_soggiornoLa parola Turismo viene impropriamente usata e sbandierata soprattutto durante le campagne elettorali andando a riempire la bocca dei politici di turno, ma non si traducono in fatti concreti quando gli stessi politici si ritrovano a capo di un Comune.

Quando si parla di incrementare il turismo, di migliorare l’immagine della propria città, di promozione turistica è inevitabile parlare anche della cosiddetta imposta di soggiorno, reintrodotta dal legislatore nel 2010 per aiutare finanziariamente la promozione turistica delle città, ma spesso utilizzata dai Comuni per far quadrare i propri bilanci. Oltre a sottolineare che è una facoltà e non un obbligo dei Comuni italiani applicarla e che è un’imposta iniqua in quanto colpisce solo quella categoria di turisti che usufruiscono delle attività ricettive si aggiunge il fatto che a Follonica la Maggioranza va oltre le aspettative. Infatti gli introiti pari a circa € 485.000,00 derivanti dall’imposta di soggiorno per l’anno 2015 sono destinati per la maggior parte a coprire la quota di autofinanziamento del PIUSS (arena spettacoli/area mercatale) a carico dell’ente e buona parte alla gestione del Teatro Fonderia Leopolda per circa € 100.000,00 di cui € 44.400,00 per finanziare il compenso della direzione artistica. Se anche tale destinazione non è irregolare o tecnicamente e contabilmente sbagliata, la riteniamo inopportuna politicamente. La norma, come spesso accade, è fumosa poiché l’imposta è destinata a finanziare gli interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i relativi servizi pubblici locali.

Ma… è così attinente il compenso della direzione artistica del teatro con la promozione e offerta turistica visto che il Teatro, indiscutibilmente importantissima opera pubblica culturale, è di fatto ad uso quasi esclusivo della popolazione residente e dei comuni limitrofi e non certo dei turisti? Perché nell’elenco dei beneficiari dell’imposta non risultano tutte quelle attività di pura promozione e di accoglienza turistica?

TURISMO (estratto del programma elettorale)

21 aprile 2014 at 17:50

IMG_0008

Nel settore turistico Follonica ha potenzialità ancora tutte da sfruttare, la cui offerta non può né deve limitarsi ai soli mesi estivi: essa infatti non è solo mare e pinete, per quanto questi due elementi siano fondamentali quale polo d’attrazione per i turisti e vadano perciò protetti, tutelati e garantiti con qualunque mezzo. Da questo, la nostra contrarietà alla Darsena di Pratoranieri nella quale intravediamo il pericolo di ulteriore speculazione edilizia e al porto di Piombino, quale Centro di Demolizioni Navali che avrebbe ripercussioni disastrose non solo sull’ecosistema marino e dunale, ma anche sul tessuto economico che di mare vive.

Noi del M5S di Follonica, intendiamo con forza segnalare quanto inutile sia, da parte della Regione, elargire somme atte a finanziare progetti milionari a tutela della costa quando con la realizzazione del porto di Piombino se ne annienterebbero gli effetti benefici. Pertanto, vorremmo:

preservare l’immagine prevalentemente turistica della nostra città, garantendole decoro, pulizia, sicurezza e buona manutenzione;
attuare i lavori necessari al conseguimento di un sistema fognario finalmente efficiente, con migliorie e potenziamenti all’attuale depuratore anche attraverso la fitodepurazione, nonché la lotta agli allacci abusivi con severe misure sanzionatorie;

sostenere la vera nautica popolare, anche attraverso piccoli e mirati interventi volti a migliorare il servizio, come scivoli e parchi boe, con minimo impatto ambientale;
migliorare la qualità ricettiva degli appartamenti destinati ad affitti stagionali attraverso la collaborazione con le Agenzie Immobiliari ed integrare la ricezione turistica con la realizzazione di B&B e piccoli Hotel, recuperando e riconvertendo parte del patrimonio edile esistente;
realizzare l’abbattimento delle barriere architettoniche con l’attuazione di un piano di mobilità sostenibile che garantisca una città accessibile a tutti, a partire dall’accoglienza dei turisti disabili alla stazione ferroviaria fino alle strutture ricettive, ai locali pubblici e ai luoghi di interesse collettivo;
incrementare il turismo giovanile migliorando l’offerta culturale, musicale e l’intrattenimento in genere, creando in aggiunta un potenziamento del turismo sportivo anche durante il periodo autunnale ed invernale (nautico, ciclismo escursionistico), mettendo a disposizione gli impianti sportivi cittadini e realizzando anche semplici strutture sportive adiacenti il lungomare per la pratica di sport tipicamente estivi;
valorizzare Follonica in ogni modo, non solo per far conoscere il nostro territorio, la bellezza dei suoi parchi naturali e borghi medievali, ma promuovendo la città, quale meta di partenza, per escursioni verso le più importanti città d’arte del centro Italia.
In questo progetto tutti gli operatori e le strutture turistiche dovranno essere coinvolti, dando luogo a un vero e proprio Sistema Turismo. Tra questi vogliamo ricordare Il Veliero, auspicando la sua riapertura in modo che torni ad aggiungersi agli altri villaggi, recando ulteriore apporto al turismo follonichese.

Per approfondimenti sul programma elettorale 2014/2019: www.follonica5stelle.it

Gabriele Cecchini

Portavoce Candidato Sindaco M5S Follonica